Trasporti: la mobilità sull’asse Cava-Nocera

0
79

Ieri sera si è tenuto il dibattito su “ La mobilità sull’asse Cava-Nocera Inferiore: un problema da risolvere o una risorsa da gestire?”, promosso dall’associazione Polis SA, nell’aula consigliare del Comune di Nocera Inferiore. Ad introdurre l’incontro è stato il professore dell’Università degli Studi di Salerno, Stefano de Luca, e a moderare l’ingegnere Francesco Minardi. Si sono anche espressi i tre sindaci invitati all’iniziativa: Vincenzo Servalli, sindaco di Cava de’ Tirreni, Giovanni Maria Cuofano, sindaco di Nocera Superiore, e Manlio Torquato, sindaco di Nocera Inferiore.

La mobilità urbana risulta un punto dolente, con forte contraddizioni e problematiche, sia per quanto riguarda l’aspetto tecnico che sociale.

L’obiettivo è di ragionare in un’ottica sovracomunale per ottenere finanziamenti e regolamentare i servizi dei trasporti che sono in grossa crisi. Il dissenso nasce proprio dall’ignoranza e dall’indifferenza rispetto ai problemi di mobilitazione che ci sono in Campania, troppo spesso lasciati al loro destino.

Il problema risiede anche nella posizione dei comuni. Il sindaco Seravalli, infatti, ha dichiarato: “La città di Cava de’ Tirreni non riesce a vivere nell’isolamento, ha bisogno di aprirsi”, per sottolineare quanto il suo territorio non sia più autosufficiente come lo era stato in passato, ma anzi necessita di rapporti ed interazioni con le città limitrofe.

C’è bisogno di un potenziamento vero e proprio della mobilità su ferro, per assorbire la restante mobilità su gomma. Non si esclude, infatti, l’idea di una possibile circum-salernitana, che riesca ad abbracciare i comuni mal collegati. Si tenta, quindi, di dare un’alternativa alla Statale 18, che crea disagi alla viabilità.

Si chiede al presidente della Commissione Trasporti in Regione Campania, Luca Cascone, di ascoltare maggiormente le esigenze del territorio agro-nocerino. Tutto, oggi, è ridotto ad un piccolo tratto inter comunale tra Nocera e Salerno che non ricopre i bisogni dei cittadini, specialmente per motivi lavorativi.
Intanto, la volontà di collegare al meglio le città con il Capoluogo e con l’Università è stata manifestata da tutti i partecipanti all’incontro.

Tra gli spettatori figuravano membri del Comitato per la Linea Storica, rappresentanti del Comitato per la promozione del Forum Dei Giovani a Nocera Superiore, stampa locale e giovani interessati.

L’elenco dei problemi è ben ampio e i tre sindaci ne sono consapevoli, tuttavia ancora una volta c’è da chiedersi se questi rimarranno solo discorsi o diventeranno fatti concreti.

Elena Morrone

NESSUN COMMENTO