L’Istituto Munari di Acerra in occupazione. Gli studenti: ”Occupiamo per la manutenzione della scuola”

0
301

«Non occupiamo contro la Buona Scuola, nè tantomeno contro altri decreti».
E’ il messaggio chiaro ed inequivocabile che gli studenti e le studentesse dell’Istituto D’Arte Bruno Munari, di via Armando Diaz, 43 ad Acerra hanno voluto lanciare.

Simona Romano, una delle Rappresentanti d’istituto dichiara ai microfoni di Libero Pensiero News:« Occupiamo per la manutenzione della scuola e per denunciare la mancanza di materiali.
Il nostro istituto versa in scarse condizioni igieniche e presenta diverse carenze strutturali: nel dettaglio ci sono buchi nelle mura e sul pavimento, mentre le porte dei bagni, nella migliore delle ipotesi versano in condizioni pietose, mentre nella peggiore sono completamente distrutte».

«Ci siamo messi in contatto anche con la Città metropolitana – aggiunge Martina, studentessa del Munari.
Dalla Città metropolitana – prosegue –  hanno riferito che sono a disposizione della nostra scuola  256 mila euro, con il bando che dovrebbe andare in porto a Dicembre, di modo che entro Febbraio inizierebbero anche i lavori. Proprio questa mattina ha svolto un sopralluogo un architetto promettendoci anche di velocizzare i tempi per l’inizio degli stessi lavori.
Verranno rifatti i bagni e la palestra, mentre saranno sostituite le luci esterne. Inoltre saranno ritinteggiate tutte le aule e verrà predisposto pertanto anche un nuovo piano di sicurezza, resosi necessario dopo il recente furto che il nostro istituto ha subito, dove sono stati portati via ben 20 computer».

Critiche dagli studenti nei confronti della Dirigenza: «Grazie al nostro incontro con le istituzioni – aggiungono le studentesse – abbiamo subito avuto riconosciuti i nostri diritti e non solo; ci hanno chiesto come mai la scuola non è intervenuta prima.
Chiediamo maggiore trasparenza dalla Dirigenza, poichè alcuni materiali di cui la scuola dispone, non ci vengono forniti. Dalla nostra parte abbiamo diversi docenti, i quali appoggiano la nostra protesta».

Gli studenti tuttavia, nella giornata odierna hanno lasciato funzionare gli uffici amministrativi permettendo quindi lo svolgimento del collegio dei docenti per lo sblocco di alcuni fondi europei PON.

L’Istituto Munari è la seconda scuola dell’interland dell’area metropolitana di Napoli ad entrare in occupazione.

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteSarno: Islamici riuniti contro il terrorismo
Articolo successivoL’Udu Napoli inaugura uno sportello universitario a Pomigliano D’ARCO
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO