Nuovo ISEE – Vittoria degli studenti, ma scoppia la polemica. Udu e Run: ”Poca trasparenza”

0
265

Ieri, giornata importante per gli studenti e le studentesse della Federico II.
Il Consiglio degli Studenti dell’ Università Federico II di Napoli, infatti ha espresso il proprio parere negativo nei confronti del nuovo ISEE. Nella lettera approvata all’ unanimità, si legge: ”visto il processo di espulsione già in atto da anni degli studenti dall’Università, riteniamo che quest’ulteriore riforma di fatto abbia escluso tantissimi studenti dalla borsa di studio, nonostante le loro condizioni materiali non siano cambiate”.

«L’approvazione del documento all’unanimità all’interno del CdS dimostra quanto sia comune la necessità di intervenire in materia di diritto allo studio”, dichiara Renato Saporito, Presidente del Consiglio degli Studenti della Federico II e aggiunge: innalzare le soglie per l’accesso alle borse e ratificare la presenza della rappresentanza studentesca all’interno del CdA ADiSU Federico II è solo il primo passo per risolvere i problemi che il nuovo ISEE ha generato.»

Vincenzo Zarra della Confederazione degli Studenti, aggiunge:«Il documento prodotto oggi e votato all’unanimità rappresenta ed è indicativo del disagio che la riforma dell’isee sta producendo all’interno delle università. Con le due richieste fatte ci aspettiamo un efficace impegno per il raggiungimento dell’apertura di un nuovo bando per le borse di studio e soprattutto che noi studenti possiamo dire la nostra all’interno del cda A.DI.S.U.»

Soddisfazione anche da Link Napoli coordinamento Universitario : «Chiediamo che l’Università attraverso il Rettore e i suoi organi centrali – dichiara Mattia Papa, Coordinatore di Link Napoli – si esprima con netta contrarietà nei confronti dei nuovi parametri che hanno causato non solo il salto di due fasce nel calcolo delle tasse di molti studenti facendo pagare così una cospicua cifra in più sulle tasse rispetto all’anno accedemico scorso, ma che soprattutto ha escluso 4.539 studenti dalle graduatorie regionali per il Diritto allo Studio»

Di diverso parere sono invece le associazioni Udu e Run, le quali lamentano poca trasparenza della seduta del Consiglio di ieri che ha portato all’uscita del consigliere Valentino Piccolo dal gruppo sinistra e indipendenti: «Prima dell’inizio del Consiglio – dichiara Valentino Piccolo a nome della coalizione Udu, Run e ViviUnina – ho comunicato l’uscita della mia organizzazione dal gruppo consiliare Sinistra e Indipendenti (formato da noi e Link), a causa della mancata condivisione di qualsivoglia iniziativa consiliare da parte di Link; inoltre da mesi avevamo la sensazione di una loro sgradevole intesa con la maggioranza, a scapito del lavoro di opposizione tentato dal nostro gruppo. Nel prosieguo del Consiglio, la presidenza ha indicato in commissione, insieme ai rappresentanti della maggioranza, un membro di Link, dimostrando la correttezza delle nostre paure, ovvero che ci fosse una sostanziale comunanza di intenti tra link, Confederazione e destra. Infatti la presidenza ha contattato un membro dell’allora gruppo sinistra e indipendenti, facente capo a link, che, pur non essendo in alcun modo legittimato a parlare a nome del gruppo, non ha condiviso né la scelta del componente della commissione, né tantomeno alcuna proposta programmatica con il resto del gruppo. Per senso di responsabilità si è scelto di votare comunque a favore della lettera al Rettore, per dare più forza e visibilità al problema dell’ISEE, che interessa tutti, anche perché non è nostra abitudine anteporre gli scontri politici ai bisogni degli studenti che siamo chiamati a difendere.
Link, che si dichiara forza di opposizione, non rinuncia stringere sostanziali intese con la maggioranza senza condividere alcun passaggio con le altre forze di opposizione, che pure sulla tematica dell’ISEE hanno lavorato duramente, quando le risulta comodo per avere una poltrona.»

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteTerrorismo: traffico illecito dei beni culturali
Articolo successivoReplica di Link Napoli alle accuse mosse da alcune organizzazioni studentesche
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO