Bagnoli – Studenti e disoccupati in piazza per gli spazi dell’ex NATO

0
208

1000 studenti delle scuole dell’area flegrea e il Movimento di lotta dei disocccupati del 7 novembre sono scesi stamattina in piazza per rivendicare gli spazi dell’ex Base Nato.

Nel dicembre del 2013, gli americani hanno abbandonato la Base NATO che quindi è finita sotto la responsabilità della Regione e della Fondazione Banco di Napoli. Il sindaco De Magistris, nel corso degli ultimi mesi ha più volte denunciato lo stato di abbandono in cui versano le strutture dell’ex NATO diffidando anche la stessa Regione e la Fondazione a firmare il protocollo d’intesa per l’utilizzo dell’area dismessa.
Nella testa dell’ex Pm l’ex NATO dovrebbe diventare il luogo della musica, dell’arte e della creatività.

Ludovica del Coordinamento Studenti Flegrei dichiara: «Gli spazi NATO sono enormi (circa 20 ettari) e presentano al loro interno diversi edifici: scolastici, uffici, teatri e campi sportivi. Come studenti, ma anche come cittadini di Bagnoli chiediamo che questi spazi possano essere utilizzati per la popolazione di Bagnoli alla quale mancano edifici scolastici, spazi sociali e posti di lavoro». Per quanto riguarda gli edifici scolastici invece, noi dell’area flegrea come Labriola, Rossini, Nautico etc… abbiamo diversi problemi strutturali. Sul rapporto con le istituzioni:«De Magistris ci appoggia ed ha intenzione anche di fare una manifestazione d’interesse per questi spazi, mentre è stato praticamente impossibile incontrare la Fondazione Banco di Napoli che è stata Commissariata, nonostante le diverse richieste».

«La nostra scuola non è a norma! Abbiamo i laboratori sprovvisti di materiali e siamo costretti a fare una colletta per fare la spesa» – dichiara uno studente dell’Istituto Alberghiero Rossini.

Il corteo ha attraversato le vie del quartiere di Bagnoli giungendo fuori l’ex Base Nato alle 12:15, dove la polizia ha impedito ai manifestanti l’ingresso schierandosi a protezione della struttura in assetto antisommossa. Più tardi, dopo alcune pressioni dei manifestanti, una delegazione composta da studenti, attivisti e disoccupati sono stati ricevuti da un rappresentante della Fondazione, il quale ha promesso di fissare al più presto un’incontro tra il Commissario Sciarelli e gli stessi manifestanti.

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteCava, Presentazione de “Il cortile delle statue silenti”
Articolo successivoUSA: Trump nella bufera, ma sale nei sondaggi
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO