I 12 fatti ineluttabili del 2016

0
54
2016
2016

La forza delle redazioni è anche quella di poter prevedere il futuro: noi di Libero Pensiero News abbiamo provato a individuare 12 fatti del 2016, uno per mese.

Gennaio 2016 – INFLUENZA

La prima grande notizia che ci accoglierà al ritorno delle vacanze, con grande inventiva rispetto al consueto rischio di chiusura delle forniture di metano tra Russia e Ucraina, sarà lo scoppio dell’ennesima pandemia influenzale. Già, perché nonostante anni di ricerca scientifica, ci sono sempre più idioti che credono che i vaccini causino autismo e che la vaccinazione non contribuisca al rinforzamento delle difese immunitarie.
Gente che, nel 2016, meriterebbe l’estinzione, non fosse altro perché alla vaccinazione contribuisce il Servizio Sanitario Nazionale tramite i medici di base, ma anche le cure ospedaliere necessarie in caso di mancata vaccinazione sono a carico della collettività.

Febbraio 2016 – SAN VALENTINO

Non se ne scappa, a meno di non rifugiarsi in un monastero come quelli del monte Athos, senza radio, TV ed internet: l’invasione sdolcinata di Baci Perugina, cuori, Cupidi, e la controffensiva di serate per single e siti di incontri e giri di Tinder che fanno impallidire anche la pioniera Eliana Monti. A tutto questo si aggiunga anche l’orda degli “antivalentinisti”, che non sono da meno e controbilanciano l’eccesso di miele con tanta acidità da rendere gradevole il succo di limone.
E la soddisfazione della brevità di febbraio non vale nemmeno, perché il 2016 è anno bisestile.

Marzo 2016 – MESE DELLE POLEMICHE

Per marzo non sono previste discussioni che non siano polemiche: pro e contro l’8 marzo per i motivi più disparati, pro e contro il 17 marzo, perché nel giorno dell’unità nazionale qualche illitterato neoborbonico troverà l’occasione per sostenere l’ipotesi della colonizzazione piemontese, dimenticando che storicamente ad essere colonizzate erano le società “non civilizzate”, il che collide con l’immagine di avanzamento promossa dai novelli duosiciliani.
Marzo è un mese perfetto per far scoppiare uno scandalo.

Aprile 2016 – POLEMICHE PASQUALI

Mangiare il capretto o, in accordo con le tesi animaliste, salvare agnelli e conigli? Usufruire delle vacanze della Pasqua cristiana, in una società laica? La pioggia rovinerà la grigliata di Pasquetta? I metereologi la prevederanno?
Ci sono abbastanza temi per polemizzare, ed il bello è che sono anche temi subdoli.

Maggio 2016 – AMMINISTRATIVE

Ebbene sì, a maggio si vota nelle maggiori città: Roma, Torino, Milano, Napoli, Genova e Cagliari tra le più importanti e strumentalizzabili, pur in assenza di un competitore forte come il Front National in Francia. Sicuramente ci saranno scontri dialettici prima e poco dopo le domeniche di voto.
E poi le “amministrative” del pallone, con l’assegnazione dello Scudetto e le convocazioni in Nazionale per gli Europei.

Giugno 2016 – EUROPEI

Si tratta di calcio e si gioca in Francia: due motivi validi per lobotomizzarci tutti con moduli e nomi improbabili di calciatori esotici che ad agosto non ricorderemo più. Il fatto di non vedere più Michel Platini o Joseph Blatter alle premiazioni a Parigi, però, è un buon incentivo.
Giugno sarà il periodo perfetto per attuare i peggiori scempi, mentre si passano notti (si spera) magiche inseguendo gol.

Luglio 2016 – CALDO-MERCATO

Nell’estate più calda degli ultimi X anni, oltre al termometro si impennano le quotazioni di mercato di allenatori e professionisti dell’ars pedatoria, mentre dopo un interessantissimo Studio Aperto in diretta dalle spiagge VIP di Formentera, Forte dei Marmi e Jesolo – o più facilmente da Ostia Lido, con tanto di «Calippo e ‘na bira» – uno smagliante Paolo Bargiggia sfodera un nuovo look, tra una boutade di calciomercato ed un “quasi fatta per” che si rivela puntualmente sbagliato. Quello che non è mai sbagliato, invece, sono i consigli per difendersi dal caldo del TG2: ricordatevi di non uscire di casa nelle ore più calde, specie se siete anziani o bambini.
Nel frattempo, frotte di studenti si barcamenano tra i temi di maturità, puntualmente commentati dagli esperti che ricordano gli anni Settanta, ed una sessione esami che è sempre caotica e mai raccontata.

Agosto 2016 – OLIMPIADI

Oltre agli Europei e al calciomercato, lo sport intossicherà il nostro 2016 con i Giochi Olimpici di Rio de Janeiro. Il fuso orario è di sole 3 ore di differenza, quindi non avremo problemi nel seguire le gare.
La notizia è che anche nel 2016 la tregua olimpica non sarà rispettata, qualche guerra si combatterà lo stesso da qualche parte del mondo, fosse anche solo la Siria o la Libia… Ma di questa tristezza siamo spettatori quotidianamente.

Settembre 2016 – MANOVRE CORRETTIVE

C’è chi non è andato in vacanza, chi ci va adesso e chi invece torna alla vita di tutti i giorni, e mentre ricominciano le scuole ed il campionato si aspetta, ma non troppo, la solita manovra correttiva del Governo.
Poco, ma bisogna riavviare i motori.

Ottobre 2016 – AUTUNNO DI LOTTA

La mobilitazione studentesca torna protagonista nelle strade delle città italiane, i sindacati ruggiscono nelle piazze… E non cambia niente, come al solito, perché il Governo si fa i fatti propri.
Sul finale del mese, come i consueti morti viventi, il ritorno delle polemiche su Halloween.

Novembre 2016 – ELEZIONI USA

Questo è il periodo che prepara al Natale, quindi rappresenta un vuoto intermezzo per allenarci a polemizzare coi parenti-serpenti al tavolo delle feste. Con cosa dilettarsi, allora? I reality, i talent e anche i vari talk show, sempre che non prendano il sopravvento un attentato o le maratone televisive di Enrico Mentana. D’altronde si vota il Presidente degli Stati Uniti d’America, e ciò catalizzerà i nostri media.
Forse è meglio Pechino Express.

Dicembre 2016 – ROSSO NATALE

Come chiudere l’anno? Prima del lancio di coltelli in famiglia e dello scontro tradizionale tra panettone e pandoro ci sono i classici dibattiti su laicità e crocifissi e sulla difesa del presepe, anche se dimentichiamo ormai la bontà del pessimo cioccolato dei calendari dell’Avvento, ma finiamo comunque col parlare di tematiche a sfondo religioso senza per questo essere “tutti più buoni”. Può addirittura scappare qualche pettegolezzo sulla prima della Scala di Milano, o meglio qualche malignità.
Cosa fondamentale e puntualmente disattesa, stiliamo anche l’elenco dei buoni propositi: che spreco di tempo!

Alla fine di tutte le abbuffate, aspettando i botti di mezzanotte tra bottiglie di spumante e fuochi d’artificio, resta una sola domanda nella notte di San Silvestro 2016: e i Marò?

Nel “presepe partecipato” di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale realizzato insieme ai cittadini anche i nostri due marò

Posted by Giorgia Meloni on Martedì 22 dicembre 2015

Simone Moricca

Se ti è piaciuto l’articolo, segui l’informazione di Libero Pensiero News!

NESSUN COMMENTO