Lercio, Spinoza e Kotiomkin: la guerra di satira natalizia

0
122
satira
satira

Cari lettori, oggi inauguriamo la rubrica “satire wars” che tratterà intuitivamente del meglio della satira settimanale. Seguendo lo stile del nostro giornale, non ci porremo limiti rinchiudendoci nella satira politica, ma sottolineeremo la battuta top della settimana anche se si trattasse di argomenti non strettamente politici. In poche parole, seguiremo l’antico proverbio “Libera Satira in Libero Pensiero”. In questa settimana di “grasse” risate si sono distinte sicuramente le battute di Spinoza.it, Lercio e Kotiomkin, di cui vi proponiamo una top ten.

Posizione 10 per Kotiomkin sulla legge Rai, di cui Enrico Mentana ha detto “Così la Rai torna indietro di 40 anni”. Molte pagine utilizzano Gasparri come simbolo di giocosa e spensierata ilarità non rendendosi conto che è un po’ come sparare sulla Croce Rossa; si parla comunque di una persona a cui voler bene come fosse normale. Aiuta anche tu Gasparri! Proponiamo una petizione o qualcosa di simile perché veramente lo bombardano quotidianamente, un po’ come farebbe lui con l’Isis ed il suo Governo decise di fare con la Libia. Dunque 1-1, palla al centro. Motto di spirito su un soggetto bersagliato comunque originale: buona così.

#kotiomkin #bartolini

Posted by Kotiomkin on Mercoledì 23 dicembre 2015

Posizione 9 per Lercio che, come fanno oramai tutti, fa satira sul politico più in voga del momento, Vladimir Putin, di cui tutti dicono un gran bene, ma pochi parlano dei suoi metodi di governo che sarebbe sarcastico definire democratici. Nel dubbio, la pagina fa una caricatura di Babbo Natale-Putin e non se ne parla più. Fine.

Addio Babbo Natale, i bambini italiani chiedono i regali a Vladimir PutinLEGGI L’ARTICOLO di Andrea Michielotto e Marco Matelli

Posted by Lercio on Martedì 22 dicembre 2015

Posizione 8 doppia ancora per Lercio. Stavolta è il turno dell’idolatrato presepe napoletano, vittima di un raid animalista, magari vegetariano, che libera buoi ed asinelli, mentre a Catanzaro un’altra costruzione natalizia viene chiusa “per appalto truccato”. Ecco perché il figlio di Eduardo in “Natale in casa Cupiello” diceva sempre: a me o presepe nun me piace. Satira originale.

Napoli. Raid animalista libera buoi e asinelli dai presepiLEGGI L’ARTICOLO di Stefano Pisani

Posted by Lercio on Sabato 26 dicembre 2015

[LERCIOSTORY] Catanzaro: chiuso presepe per appalto truccato

Posted by Lercio on Sabato 26 dicembre 2015

Posizione numero 7 per Kotiomkin. Le rivelazioni contenute nei libri di Fittipaldi e Nuzzi, Avarizia e Via Crucis, stanno creando un’onda lunga mediatica che ci consente di sbellicarci bellamente di risate: ed ecco che i Re Magi stanno ancora attraversando l’attico del Cardinal Bertone. Beh, verrebbe da augurargli di non imbattersi anche nella Salerno-Reggio Calabria per andare ad Eboli, altrimenti “ciaone Betlemme” entro il 6 gennaio. Battuta sul pezzo.

#kotiomkin #nava

Posted by Kotiomkin on Lunedì 21 dicembre 2015

Posizione numero 6 ex aequo per Sgarbi e Kotiomkin. Questa è affettivamente la nostra posizione preferita perché “A Natale puoi” perfino mettere vicini quella “capra, ignorante e fascista”, come fu definita Mussolini dal critico d’arte durante il reality-show flop “La Pupa e il secchione”, e il critico d’arte “questo è pazzo”, come lei lo definì mentre gli appioppava un ceffone che quasi rompeva gli occhiali. Ed ecco che lui dà suggerimenti su come non regalare la solita sciarpa e lei finisce a fare un regalo a nonno Benito. Tenerezza. 

 Avete rotto le palle con sciarpe e guanti. A Natale regalate e regalatevi libri.

#kotiomkin #maice #mussolini

Posted by Kotiomkin on Venerdì 25 dicembre 2015

Posizione 4 ancora per Kotiomkin. La Grecia approva le Unioni Civili ed è giusto riderci amaramente su perché iniziano a prenderci in giro anche le più arretrate tribù del Centro Africa. Severi, ma giusti. 

#kotiomkin #iannicelli

Posted by Kotiomkin on Mercoledì 23 dicembre 2015

In posizione 3 troviamo i mitici ragazzi di Spinoza con questa notizia spiazzante sull’uomo più grasso del mondo. Peccato! Mancano solo nove giorni alla fine di quelle che chiamiamo feste perché “Mangia se no si butta” non ci pareva un bel nome. Alternativi.

Posizione due sarebbe andata honoris causa alla mitica ed impareggiabile Giorgia Meloni e alla sua foto coi Maro sul presepe (clicca qui se non l’hai vista ancora), ma ha scatenato tanta di quella satira che ha perso la posizione che spetterebbe a lei quasi per legge ad opera di quei geni di Kotiomkin, che giustamente si sono preoccupati per un altro componente del presepe. Previdenti.

#kotiomkin #cicaroni #marò

Posted by Kotiomkin on Martedì 22 dicembre 2015

Posizione numero 1 ancora per Kotiomkin che, oltre a preoccuparsi dei pastori del presepe, si occupa anche dei Maro, quelli veri e dei discutibili gusti cinematografici indiani. Pensierosi.

 #kotiomkin #brescia

Posizione numero 1 della nostra classifica avulsa e di merito va al mitico divulgatore scientifico Piero Angela, il quale il 22 dicembre ha compiuto 87 anni lanciando una web-mania con articoli satirici epici (clicca qui) ed una battuta di Negus sul forum di Spinoza.it al vetriolo “Compie 87 anni il più giovane divulgatore scientifico italiano” (clicca qui). Qui i ringraziamenti del conduttore metà uomo e metà cognome:

Concludiamo con un “Buon 2016” da tutta la Redazione di Libero Pensiero News così:

L’anno che sta arrivando tra un anno passerà…e se li fermassimo per sempre sai che bello sarebbe per tutta la civiltà.

Posted by Vento ribelle on Lunedì 28 dicembre 2015

 

Ferdinando Paciolla

@NandoPaciolla

Se ti è piaciuto l’articolo, segui l’informazione di Libero Pensiero News!

NESSUN COMMENTO