I Foja, band napoletana che dalla sua formazione fino ad oggi ha riscosso grande successo di pubblico, si esibiranno gratuitamente Sabato 9 gennaio 2016 alla Casa della Musica in via Barbagallo, a Napoli nei pressi del Palapartenope.

I Foja nascono nel 2006 dall’unione di quattro musicisti: Dario Sansone, Ennio Frongillo, Gianni Schiattarella e Giuliano Falcone e il nome non lascia dubbi al carattere energico, impetuoso e appassionato della band riferendosi alla ‘foga’ che brucia dentro, che divora l’anima. Da subito si distinguono per il loro carattere originale e il modo nuovo di unire un sound moderno dal sapore antico a canzoni in dialetto napoletano. Ben presto collaborano con importanti artisti come Enzo Gragnaniello, i Bisca, Ciccio Merolla fino all’importante occasione che permette loro di aprire il concerto di Eugenio Bennato al Meeting del Mare.

Il disco “‘Na storia Nova”, uscito nel 2011, è un grande successo sia di critica che di pubblico ed il singolo “‘O sciore e ‘o Viento” è il più amato ancora oggi. I Foja continuano a partecipare a festival ed eventi, collaborano con artisti di fama nazionale ed internazionale quando nel 2013 aprono il concerto di Manu Chao alla Mostra d’Otremare. La particolarità della band è quella di proporre un repertorio di canzoni dal suono delicato, completamente scritte in napoletano, ma un napoletano moderno, comprensibile a tutti, poetico e musicale. Non è necessario apprendere tutte le parole, basta lasciarsi trasportare dalla melodia e la comprensione del testo verrà da sé.

Il concerto del 9 gennaio è previsto alle 21.30, mentre l’apertura avverrà alle 20.00 e parteciperanno all’evento artisti come Gino Fastidio, gli Gnut, Francesco Paura, Davide Petrella (Le Strisce) e tanti altri. A seguire, dj Margot & dj Cerchietto concluderanno la serata. L’ingresso è gratuito fino alle 23.00, orario dopo il quale l’accesso costerà 15 euro con consumazione.

Per ulteriori informazioni

Agnese Cavallo

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl Gesù Nuovo: le ceneri del palazzo Sanseverino
Articolo successivoMessico: la strage di Iguala tra narcotraffico e menzogne
Agnese Cavallo, nasce a Napoli il 14 novembre 1985. Da sempre appassionata di classicità, da quando il padre le raccontava i miti greci e l’Odissea in lingua napoletana, decide che la letteratura e le materie umanistiche saranno il suo futuro. Si iscrive, così, al Liceo classico Quinto Orazio Flacco di Portici (Na) e continua l’esperienza umanistica alla Facoltà di Lettere Moderne della Federico II di Napoli. Consegue la Laurea triennale e magistrale, presentando una tesi sull’opera di Francesco Mastriani , importante giornalista e scrittore di feullitton napoletano di fine ‘800. Il giornalismo, infatti, è da sempre una passione e quasi una missione. Convinta che i giornalisti siano spesso persone lontane dalla realtà, pronti, più che alla denuncia alla gogna mediatica, nei suoi articoli preferisce una sana soggettività volta all’etica e al sociale, anziché un’oggettività moralistica e perbenista. Nel febbraio 2012 inizia la sua esperienza con il giornale “Libero Pensiero News” occupandosi di sociale, cronaca, cultura e politica. Il suo argomento preferito? Napoli, tra contraddizionie e bellezza.