Allarme bomba al Tribunale di Salerno

0
58

Alle ore 10:00 di questa mattina una telefonata anonima ha messo in allarme il Tribunale di Salerno.

C’è una bomba, esploderà a mezzogiorno. Questo il messaggio minatorio, riferito in arabo e ripetuto in italiano, che ha causato l’immediato stato di allerta, nonché l’evacuazione delle aule del Tribunale, la sospensione delle udienze e lo sbarramento dell’accesso al Palazzo di Giustizia.

Sono immediatamente accorsi poliziotti, vigili del fuoco e artificieri e si è provveduto a chiudere la zona di Corso Vittorio Emanuele interessata e a controllare ogni singolo oggetto sospetto.

La vicenda si è ripercossa anche sulla scuola elementare Vicinanza, la quale ospita al primo piano alcuni uffici del Tribunale. Difatti alunni e insegnanti sono stati fatti precipitosamente uscire dalle aule e accompagnati in strada dalla polizia. AllarmeBombaTribunale03-735x490

Alla fine, fortunatamente, l’allarme è risultato falso. Non è stata trovata alcuna bomba e la situazione si è conclusa con un po’ di spavento e un inutile impiego di forze dell’ordine.

Questo del “falso allarme bomba” per il Tribunale Di Salerno non è un caso isolato. Episodio analogo si era verificato circa due mesi fa, l’11 novembre 2015, ed erano state attuate le medesime misure di sicurezza.

Ricordiamo ancora la segnalazione di un ordigno, sempre attraverso una telefonata anonima, avvenuta il 23 aprile 2014. In quell’occasione vennero fatti evacuare gli uffici del Tribunale di Sorveglianza in Piazza Malta.

Questa volta a far scattare il terrore è stato l’utilizzo della lingua araba. Le forze dell’ordine sono, infatti, sempre in allerta in seguito agli attentati di Parigi e alle continue minacce da parte degli estremisti islamici che continuano ormai imperterrite ad interessare il nostro Paese e la nostra comunità.

Resta ancora da chiarire se il gesto di questa mattina sia solo una bravata o se ci sia qualcosa di fondato e che dovrebbe preoccuparci. Proseguono dunque le indagini.

  Maria Iemmino Pellegrino

NESSUN COMMENTO