Lega Pro: pirotecnico 2-2 tra Paganese e Casertana

0
98
Casertana
Casertana

Si è concluso col risultato finale di 2-2 il derby tra Paganese e Casertana. Partita divertente e ricca di emozioni al “Marcello Torre” di Pagani. I falchetti  scendono in campo già forgiati del titolo di campioni d’inverno in virtù dell’1-1 con il quale domenica il Foggia è stato fermato, tra le mura amiche, dalla Juve Stabia. Azzurrostellati a caccia di una vittoria scacciacrisi (ultimo successo il 22 novembre scorso) per allontanarsi dalla zona play-out.

La Paganese si schiera in campo con il consueto 4-3-3: tra i pali Marruocco; quartetto difensivo composto da Esposito, Sorbo, Dozi e l’ex Napoli Bocchetti; centrocampo di quantità e qualità con Deli, Carcione e Guerri; trio d’attacco formato da Cicerelli, Cunzi e Caccavallo.  Solito 3-5-2 offensivo invece per gli uomini di Romaniello che scendono in campo con Gragnaniello tra i pali; terzetto difensivo con D’Alterio, Rainone e Murolo; sugli esterni di centrocampo Mangiacasale e Tito con Capodaglio ed i nuovi acquisti Matute e Marano a completare il reparto; coppia d’attacco formata da Negro e De Angelis.

La Paganese parte forte e già al primo minuto di gioco si rende pericolosa. Avvio sprint per gli uomini di Grassadonia che all’8’ sfiorano la rete del vantaggio con l’ex Caccavallo. Dal 10’ in poi però è la Casertana a salire in cattedra e ad impostare il gioco. Al 12esimo è Negro che ci prova dalla distanza; il suo tiro però finisce ben lontano dallo specchio della porta. Otto minuti dopo i rossoblù trovano la rete del vantaggio: splendido assist di Negro per De Angelis; il numero 11 riesce a scattare sul filo del fuorigioco, scivolando alle spalle dei centrali della Paganese e a tu per tu con Marruocco non sbaglia. Settimo goal stagionale, 130esimo in Lega Pro per l’attaccante nativo di Castellammare. La Casertana vola sulle ali dell’entusiasmo e al 25esimo sfiora il raddoppio con un gran tiro di  Matute sul quale Marruocco si supera. I padroni di casa, tramortiti dallo svantaggio faticano ad organizzare una reazione: al 28esimo la punizione di Carcione è ben parata da Gragnaniello. Al 41’ invece l’estremo difensore dei falchetti vola a deviare in calcio d’angolo una splendida rovesciata dell’ex Cunzi che sembrava destinata in fondo al sacco Il primo tempo si chiude sull’1-0 in favore della Casertana.

Nella ripresa la Paganese cambia marcia e già al 9’ riesce a pareggiare i conti con Simone Guerri: tiro di Caccavallo, respinta corta di Gragnaniello sulla quale si avventa l’azzurrostellato che sigla il suo 30esimo goal in 474 presenze in Lega Pro. Le due squadre si studiano per gran parte del secondo tempo, senza creare particolari occasioni da goal, intimorite dalla possibilità di perdere e dando l’idea di volersi  accontentare di un punticino a testa. Girandola di cambi da una parte e dall’altra: nella Paganese entrano Gurma e Palmiero per Cicerelli e Deli. Nella Casertana dentro il nuovo acquisto Jefferson per Negro e Mancosu al posto di Marano. All’82esimo minuto la Paganese rimane in 10: rosso diretto a Guerra per un brutto fallo da dietro proprio sul nuovo entrato Mancosu. La Casertana, rinfrancata dalla superiorità numerica si spinge nuovamente in avanti e chiude la Paganese nella propria area di rigore. All’86esimo il neo acquisto Matute controlla un bel cross dalla destra e con il sinistro indirizza la palla alle spalle dell’estremo difensore paganese scatenando la gioia degli oltre 400 tifosi casertani al seguito della squadra.  Sembra essere finita qui ma la Paganese, con grande orgoglio, si riversa in avanti alla disperata ricerca del pari: all’88esimo il portiere Gragnaniello non riesce a trattenere un cross dalla sinistra e finisce per atterrare in piena area l’ex Caccavallo: è calcio di rigore. Dagli 11 metri si presenta lo stesso Caccavallo: il numero 9 è freddissimo dal dischetto e realizza il goal del definitivo 2-2 nonostante la Casertana sfiori al 93esimo l’incredibile rete del 2-3 prima con Jefferson e poi con Mangiacasale.

Derby bellissimo e combattutissimo al “Torre” di Pagani. Pareggio tutto sommato giusto, nonostante la Casertana abbia avuto sicuramente qualche palla goal in più rispetto agli avversari. Ad un primo tempo giocato a viso aperto da entrambe le squadre ha fatto seguito una ripresa che si è improvvisamente accesa soltanto nei minuti finali. La Casertana può recriminare per essere passata due volte in vantaggio senza riuscire tuttavia a portare a casa i 3 punti. A fine partita un amareggiato Romaniello ha così commentato la partita: Siamo stati ingenui nel gestire certe situazioni. Sono amareggiato a causa di ciò. Dobbiamo imparare dai nostri errori. Gli sforzi della Paganese sono stati premiati anche dalle nostre disattenzioni. La Casertana può comunque ritenersi soddisfatta di un punto che, tutto sommato,  permette ai  falchetti di allungare a +2 sugli inseguitori del Foggia; Paganese che invece riesce a portarsi porta fuori dalla zona play-out, pur rimanendo in una zona di classifica molto pericolosa .

PAGANESE-CASERTANA 2-2

PAGANESE: Marruocco, Esposito, Bocchetti, Carcione, Sorbo, Dozi, Deli (40′ st Palmiero), Guerri, Cicerelli (24’ st Gurma), Cavallaro, Cunzi. A disp.: Borsellini, Acampora, De Feo, Palmiero, Grillo, Martiniello, Gurma. All.: Grassadonia

CASERTANA: Gragnaniello, D’Alterio, Tito, Capodaglio, Rainone, Murolo, Mangiacasale, Marano (11’ st Mancosu), Matute, Negro (12 st Jefferson), De Angelis. A disp.: Maiellaro, Gala, Guglielmo, Finizio, De Marco, Cesarano, Pezzella, Varsi, De Filippo. All.: Romaniello

ARBITRO: Mainardi di Bergamo

RETI: 20’ De Angelis (C), 9 st Guerri (P), 43’ st Matute (C), 45’ st rig. Caccavallo (P).

Ammoniti: Capodaglio, Marano, D’Alterio, Caccavallo, Marruocco.

Espulso al 37’ st Guerri (P).

Classifica: Casertana34, Foggia32, Cosenza30, Lecce30, Benevento29, Matera25, Messina25, Fidelis Andria23,                               Catanzaro22, Juve Stabia21, Monopoli19, Catania18, Paganese18, Melfi17, Akragas16, Ischia14, Martina                         Franca11, Lupa Castelli6.

Fonte immagine: casertanafc.it

Ugo D’Andrea

NESSUN COMMENTO