Coming Out del ministro David Mundell: «Sono gay»

0
125
mundell

Il segretario di Stato della Scozia è il primo gay dichiarato del Governo Conservatore: «Non so quale sarà la reazione, ma so che è la cosa giusta per me!».

David Mundell, notaio di 53 anni e ministro per i Rapporti con la Scozia, è il primo ministro gay dichiarato del governo Cameron. «Anno nuovo e nuovo inizio» ha scritto sul suo blog per dichiarare apertamente di essere gay.

Padre di tre figli ed ex marito di Lynda Carmichael, Mundell ha spiegato che l’unico modo per essere felici è essere se stessi, riconoscendosi anche in pubblico e senza vergogna.

«Non di rado leggiamo sul suo blog – gli uomini e le donne gay che escono allo scoperto incrociano problemi sul loro cammino. Nel corso del tempo, sono arrivato a capire che per me, l’unico modo per essere felice, è riconoscere in pubblico ciò che sono già nel privato. Ora, non so quale sarà la reazione del mio popolo, ma so che era giusto farlo innanzitutto per me. Ammiro tutte le persone, giovani e meno giovani, che escono allo scoperto ogni giorno, incerti della reazione. Io credo di essere stato molto fortunato ad avere l’amore e il sostegno della mia famiglia e dei miei amici.»

«Il genere e la sessualità – chiarisce l’uomo – non devono fare differenza, sia che si lavori per lo Stato, sia che si lavori per i privati. Io ho già stabilito le mie priorità politiche e adesso è il tempo di stabilire anche quelle personali.»

La dichiarazione dell’uomo non è stata una doccia fredda e per il Partito Conservatore non è il primo caso di ministro gay, anche se questa volta si tratta di un esponente di estrema destra liberale.
Numerosi i messaggi di sostegno provenienti dai suoi colleghi di gabinetto e dai politici di altri partiti. Il Primo Ministro David Cameron, attraverso un portavoce, ha dichiarato di incoraggiare Mundell e di esserne soddisfatto. Anche Ruth Davidson, la leader del partito conservatore scozzese, manifestamente lesbica, si ritiene molto orgogliosa e pronta a sostenere l’amico Mundell. Anche Colin Macfarlane, direttore dell’organizzazione britannica per i diritti gay Stonewall Scotland, ha voluto sostenere Mundell asserendo che avere persone di alto profilo nella società politica sia innanzitutto fondamentale per la creazione di ambienti volti a favorire l’equo trattamento delle differenze sociali sui posti di lavoro, a casa e nell’intera comunità, oltre che sinonimo di grande civiltà. Mr. Mundell vive a Moffat, nella circoscrizione elettore di Dumfries e Galloway, e serve lo stato Inglese dal 1999, prima come deputato, poi come sottosegretario di stato della Scozia e ora come ministro.

Anna Lisa Lo Sapio

Fonte: The Telegraph

CONDIVIDI
Articolo precedenteAiello: ”Lorenzin non può fare il Ministro, si dimetta. Fusco stia zitto”
Articolo successivoIl Liceo Garibaldi apre le porte per l’Open day
Nata in provincia di Napoli, 11/06/1983. E' Laureata in Scienze Politiche. Inizialmente, ha lavorato nell'area commerciale di alcune aziende ma ha presto capito che la sua strada non poteva avere a che fare solo con l'aspetto economico della vita. Amante della storia e appassionata dei segreti di Stato, ha realizzato studi e ricerche sulla società italiana durante gli anni di piombo e sui motivi che spingono l'uomo a commettere stragi e ribellioni contro altri uomini. Di se stessa dice : "Meglio vivere una verità difficile che una bugia comoda". Vive a Edimburgo. Per scriverle: losapio.annalisa@libero.it

NESSUN COMMENTO