Fantabreak: il ritorno del bonus prodigo

0
122
fantabreak

Ha dimostrato subito di essere in forma smagliante, giocando un grande primo tempo e siglando subito il primo gol al ritorno in Serie A, anche se “solo” su (doppio) rigore. Parte da titolare e dimostra un ottimo feeling con Belotti. Come avrete capito, in questa puntata di Fantabreak, vi raccontiamo del ritorno di un attaccante italiano importante: Ciro Immobile. Dopo essersi fatto un nome importante in Serie A (titolo di capocannoniere realizzando 22 reti in 33 partite nella stagione 2013/2014) e facendo le fortune sia del Torino – trascinandolo fino al settimo posto, alle porte dell’Europa League – sia di ogni fantallenatore riuscito ad acquistarlo, l’attaccante di Torre Annunziata ha fatto ritorno a casa dopo anno e mezzo in giro per l’Europa. Prima il Borussia Dortmund, dove ha realizzato 10 gol in 34 partite tra Bundesliga, Champions League e coppe nazionali, poi il Siviglia, dove non è riuscito ad integrarsi ma ha lasciato comunque buoni ricordi, come il gol decisivo contro il Real Madrid. Affinché potesse tornare il vecchio Ciro collezionista di bonus fantacalcistici e poter riconquistare il proprio posto nella Nazionale italiana con obiettivo Euro 2016 in Francia, Immobile ha deciso di far ritorno in patria, sempre a Torino su sponda granata.

fantabreak
Immobile esulta insieme ai compagni Benassi e Belotti dopo il primo gol al ritorno in Serie A

Si potrebbe anche pensare che le minestre riscaldate non sono mai buone, ma quest’anno verranno disputati i campionati europei di calcio, motivando in positivo l’attaccante granata, che vorrà dimostrare di non essere già un giocatore da buttare per aver collezionato qualche esperienza negativa per l’Europa. Noi di Fantabreak ne consigliamo vivamente l’acquisto! Anche perché quando si parla di fantacalcio, bisogna anche concentrarsi sulle medie passate, nel caso di Immobile c’è un 6,394 di media da tenere in conto. Dato che ha dato disponibilità alla squadra limitando il ruolo da “prima donna”, potrà e dovrà fornire anche molti assist. Sperando di fare breccia nel cuore del C. T. Antonio Conte, affinché lo convochi in nazionale per la competizione dell’anno.

Eugenio Fiorentino

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteDa bambini di strada a giornalisti: Balaknama si batte per chi non ce l’ha fatta
Articolo successivoIl #brainch della domenica: Beni confiscati, purché confiscati bene
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

NESSUN COMMENTO