Intervista con Tonino Scala: ”Sosteniamo De Magistris convintamente”

0
61

Tonino Scala, da qualche giorno è il nuovo coordinatore regionale della Campania di Sinistra Ecologia e Libertà.
Scala, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di Libero Pensiero News sui temi della sinistra e le prossime elezioni amministrative.

Di seguito l’intervista:

Scala, nuovo segretario regionale della Campania di Sel. Che partito ha trovato?
Un partito in grande difficoltà. Dopo la fuoriuscita di molti compagni, tra cui l’ex capogruppo alla Camera e dopo la tornata elettorale alle regionali, in cui abbiamo fatto la scelta di contrastare un centrosinistra che non era centrosinistra e chiudeva accordi con pezzi di destra e cosentiniani e un presidente che non poteva essere eletto, ho trovato un partito senza rappresentanza istituzionale. Tuttavia c’è la voglia e la forza di ricominciare.

Il processo si Sinistra Italiana a che punto è?
A Febbraio inizia il percorso di Sinistra Italiana. Questa nuova esperienza vuole ridare al paese Italia la Sinistra. Non può esserci sinistra se non c’è il sud e non c’è il mezzogiorno. Bisogna rimettere al centro la Campania e Napoli.

Come spiega la presenza di Fava sul palco con Bassolino?
Fava è un compagno che è andato via dal partito. Successivamente si è iscritto al gruppo di Sinistra Italiana. E’ andato a titolo personale. Ognuno ha una sua idea e la esterna. Il partito di Sel ha già deciso: andremo con Luigi De Magistris. Sosterremo l’attuale sindaco con convinzione ed abbiamo la consapevolezza che votando De Magistris eleggeremo anche il sindaco metropolitano e il sindaco del mezzogiorno. E’ importante il mondo del civismo che insieme ai partiti sosterranno l’attuale sindaco.

In cosa De Magistris avrebbe dovuto far meglio
De Magistris ha trovato un disastro. E’ normale che si possa sempre far meglio. Noi come Sel siamo entrati dopo in Giunta e bisogna dire che l’ex pm ha trovato le porte chiuse da tutti i Governi che si sono succeduti.
Per come si trovava la città di Napoli, con un predissesto, penso che abbia fatto anche molto bene.
Tuttavia bisogna fare ancora tanto sul tema delle bonifiche e sulla questione rifiuti. Proprio su questo pesiamo di poter dare il nostro contributo.

Palazzo Fuga e l’ex Base Nato, due vicende che sembrano totalmente diverse tra loro, tuttavia potrebbero essere accomunate sul tema dei giovani. E’ ipotizzabile destinare parte dell’ex Albergo dei Poveri ai giovani mediante la creazione di una biblioteca o uno studentato per tutti gli studenti universitari fuori sede?
Palazzo Fuga è una struttura immensa. Bisogna creare le condizioni per ”aprirlo alla città”. Abbiamo già esperienze simili in città. Questi spazi devono necessariamente diventare spazi della città. L’Asilo Filangieri fa parte di queste esperienze.
Serve però un concerto con gli altri enti, la Regione Campania e il Governo. Non si può pensare di commissariare tutto ciò che è commissariabile. La vicenda Bagnoli è paradossale. Non si può esautorare un sindaco. Chi governa questa città è stato eletto dal popolo e mi sembra assurdo tenere fuori il comune.
I governi hanno la testa al Nord. Il Sud fa rima con sudditi per chi ci ha governato negli ultimi anni.

La Riforma della Scuola è stata approvato lo scorso anni. Come Sinistra Italiana quali iniziative pensate di mettere in campo?
Abbiamo perso una grande opportunità. Bisognava fare il Referendum. Purtroppo non abbiamo più i governi che intercettano il volere del popolo. Ritengo che su questa vicenda bisognava investire di più su scuola e cultura, vedi la Grecia, in grandi difficoltà economiche che investe sulla cultura e sulla scuola.
Prima di parlare di Riforma andavano  prima sanate le situazioni attuali. Mi sembra assurdo che chi ha lavorato per 20 anni venga cacciato da un percorso. Questa è una Riforma fatta davvero con i piedi. Per non parlare del sistema con cui è stata fatta questa Riforma.
Una delle cose che il mio partito, con Sinistra Italiana farà nei prossimi mesi è indire un Referendum per cancellare almeno parte della Riforma. Serve il coraggio però. A noi certamente non manca. Spero ci siano altri soggetti che sosterranno questa battaglia.


Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteRosa Capuozzo inchioda il Direttorio: “Erano informati di tutto”
Articolo successivoOver 65: come mantenersi in forma
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO