Higuaìn trascinatore, Sassuolo KO: le pagelle

0
53
Higuaìn
Higuaìn

Il Napoli continua a volare. Il Sassuolo è cotto a puntino, 3-1. Chef del giorno Gonzalo Higuaìn. I neroverdi, passati in vantaggio dopo soli 3 minuti con il rigore trasformato da Falcinelli, vengono raggiunti prima da Callejon (alla prima gioia stagionale in campionato) e poi superati dal Pipita, che li schianta con la settima doppietta in campionato.

LE PAGELLE DEGLI AZZURRI                                   

Reina 7: ma come faceva il Napoli senza di lui? Incolpevole sul gol. Reattivo sul sinistro di Politano nel primo tempo, audace sul finire di gara quando si trasforma da incontrista, andando a recuperare un pallone decisivo all’inizio della metà propria campo. LEADER

Hysai 6: il primo tempo è da incubo. Sansone lo supera come se fosse un birillo. Nasce da un suo errore l’azione che porta al rigore e, dunque, al vantaggio del Sassuolo. Il secondo tempo è perfetto: ottime le ripartenze, precise le chiusure. DOLCEAMARO 

Chiriches 6: dà equilibrio all’intero reparto. L’unico neo è quello del primo tempo, quando esce in ritardo su Politano, il cui tiro è parato egregiamente da Reina. Nel secondo tempo soffre di meno, complice anche il calo fisico del Sassuolo. È lui a dirigere la difesa in assenza di Koulibaly durante il primo tempo. TORRE DI CONTROLLO

Koulibaly 6,5: Sarri insegnò a difendere, vide Koulibaly e gli affidò le chiavi della difesa. Entra nel secondo tempo e la sua presenza si fa sentire. La sola vista fa spaventare un’infernale Sassuolo che fino a pochi minuti prima del suo ingresso in campo aveva attaccato e sfiorato il vantaggio al 65’ con Sansone. Per stazza e temperamento ricorda chi, insieme a Maradona, lavorando nelle retrovie, portò il tricolore all’ombra del Vesuvio: Giuseppe Bruscolotti . PALO ‘E FIERRO

Albiol 5,5: passano 3 minuti e combina la frittata. Il suo fallo su Sansone causa il rigore che Falcinelli trasforma spiazzando Reina. Callejon ed Higuaìn  rimediano alla grande per sua fortuna. Nel secondo tempo ritrova sicurezza e determinazione. FORTUNATO

Goulham 7: ottima prestazione quella del terzino algerino. Perfette le sue discese sulla sinistra; straordinaria l’intesa con Hamsik e Insigne; ottime le chiusure su Politano e Vrsaljko. FERRARI

Jorginho 6,5: solita partita contornata di geometrie e grandi aperture. Cresce di partita  in partita l’italo-brasiliano nell’attesa che Conte lo chiami… COMPASSO

Allan 6,5: copre, attacca gli spazi, riparte,contrasta. Lo si trova a centrocampo e poi defilato sulla fascia destra a dare supporto ad un Hysai un po’ in affanno. MASTINO NAPOLETANO

Hamsik 7: è una vittoria che passa anche dai piedi di Marekiaro, anzi, soprattutto dai suoi. Innesca Insigne che servirà poi Callejon per il momentaneo pareggio partenopeo. Suo è inoltre l’assist del primo gol di Higuaìn. Sul finire di gara al suo posto Sarri inserisce David Lopez (s.v) per dare più copertura alla squadra, ma la prestazione dello slovacco è ineccepibile. PIEDI FATATI

Insigne 7,5:  salta l’uomo, serve Callejon per il gol del pareggio. È la spina nel fianco di un Vrsaljko che lo rincorre ma non lo raggiunge mai. Sfiora il gol nel primo tempo con un destro a giro sul secondo palo che termine di pochissimo sul fondo. Sostituito da Mertens (s.v) al 77’. Guida la rivoluzione napoletana. MASANIELLO

Callejon 7,5: finalmente ritorna il tanto agognato gol in campionato. Splendido il cross d’Insigne, deciso il suo stacco di testa che trafigge l’estremo difensore degli emiliani. È un Callejon nuovo. Difende in maniera perfetta sulla parte estrema della fascia destra, ma è il primo ad inserirsi e a tagliare su quel primo palo, spesso mal coperto da Ariaudo. Il suo è un grande ritorno. FIGLIOL PRODIGO

Higuaìn 8: ventesimo gol in 20 partite. Settima doppietta in campionato. Higuaìn ha battuto di già il suo record personale di reti nella massima serie (18 nella stagione 2013-2014). È da lui che passa  il primo posto degli azzurri, ed è per lui che la squadra gioca. Gonzalo è leader in campo e anche fuori. Il primo a far gol e il primo con Reina ad andare a festeggiare sotto la curva con i propri tifosi. BOMBER D’EUROPA

All. Maurizio Sarri 8: altro che pompiere. È il primo ad accendere l’entusiasmo partenopeo e a sfruttare questo elemento. Se Higuaìn fa 20 gol il merito è anche suo, per stessa ammissione del Pipita; se Insigne gioca con questo spirito il merito è anche suo; se Hamsik ritorna ad essere così incisivo il merito è anche suo. È una mentalità quella di Sarri, una filosofia di gioco che passa per la testa prima che per i piedi. Napoli che convince e, soprattutto, è convinto delle sue forze. MAESTRO DI CALCIO

Fonte immagine in evidenza: www.sscnapoli.it

Giovanni Ruoppo

NESSUN COMMENTO