Over 65: come mantenersi in forma

0
72

Mantenersi in forma è importante. A tutte le età. Bisogna fare attenzione, però, a individuare il tipo di attività fisica più adatto alle esigenze di un corpo in trasformazione. Né la tipologia di esercizi, né lo sforzo fisico infatti possono essere considerati di valore universale. Ognuno di noi ha le sue specifiche esigenze da rispettare, non è detto infatti che alla stessa età ci si possa sottoporre tutti allo stesso tipo di sforzo fisico. È sempre opportuno valutare con il contributo di un medica la disciplina da scegliere e i tempo da dedicare per mantenersi in forma. Questo è ancor più vero quando si supera la fascia d’età dei 65. L’attività fisica, infatti, è importantissima ma va regolata con attenzione anche quando ci sentiamo particolarmente bene e rischiamo di sopravvalutare le nostre capacità.

Fare attività fisica senza affannarsi è possibile

La comunità scientifica ribadisce di continuo l’importanza del movimento per mantenersi in buona salute. Una guida pratica e ricca di utili consigli è disponibile online, all’apposita sezione che il sito Al Meglio (http://www.almeglio.it) dedica al fitness e agli esercizi da compiere anche a casa per tenersi in forma. Un po’ di movimento, infatti, aiuta a prevenire malattie cardiovascolari, diabete, osteoporosi, ipertensione, disturbi dell’umore, obesità e anche alcuni tumori. Prima di iniziare uno sport è sempre consigliabile rivolgersi al medico per farsi consigliare l’esercizio fisico più adatto, la sua intensità e la durata. L’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) ha di recente diramato alcune informazioni relative anche alla durata a cui i diversi soggetti, divisi per fasce d’età, dovrebbero dedicare del tempo per lo sport. Per gli over 65 si parla addirittura di una sorta di farmaco a basso costo.  Un elemento quotidiano indispensabile per aumentare la forza muscolare, scongiurando il pericolo di cadute e fratture. È opportuno, quindi, affiancare all’attività aerobica, tre volta alla settimana, esercizi di equilibrio. Tra i consigli per chi ha più di 65 anni c’è la pratica di esercizi di stretching, utili per migliorare l’elasticità delle articolazioni e la coordinazione dei movimenti. Un modo per contrastare l’insorgere di dolori articolari che diventano spesso una scusa per darsi alla pigrizia e muoversi sempre meno. Un modo, in realtà, di accelerare il processo di invecchiamento del nostro corpo. La mancanza di movimento, infatti, non fa che aumentare la rigidità articolare nelle persone colpite da malattie reumatiche. Le malattie reumatiche interessano circa sei milioni di italiani e possono essere contrastare proprio con la giusta dose di movimento.

Quanto tempo dedicare allo sport?

Pensare di dedicarsi all’attività fisica in modo agonistico sarebbe davvero inopportuno e controproducente. Per gli over 65, infatti, mezz’ora di passeggiata al giorno può essere già un grande toccasana. Andare a piedi a comprare il giornale, portare a spasso il cane o preferire le scale all’ascensore sono piccoli trucchi che, con il minimo dello sforzo, possono produrre risultati importanti e incoraggianti. Per chi, invece, volesse dedicarsi proprio a una disciplina sportiva è importante identificare l’obiettivo da raggiungere: mantenersi in salute e rallentare i fenomeni dell’invecchiamento. Insieme al medico è fondamentale definire: durata dell’attività e la sua intensità. La frequenza dell’allenamento può variare da 2 a 6 volte a settimana, con sedute da 20 a oltre 60 minuti. L’intensità non deve essere modesta, né troppo intensa, ma media e continuativa (non deve venirvi un gran fiatone) con un ritmo costante che consenta di non fare soste. Un giusto compromesso è quello che si articola in 6 allenamenti settimanali di 30 minuti o più. Tra le attività consigliate: camminare, pedalare, jogging lento, nuoto di fondo. L’intensità va aumentata a poco a poco, aggiungendo qualche minuto in più alla nostra passeggiata o alla nostra nuotata di volta in volta.

Anna Capuano

NESSUN COMMENTO