Legalità e Rai unite per combattere

1
71
legalità

La Rai è prima di tutto servizio pubblico e come tale è tenuto ad occuparsi di questioni importanti riguardati la nostra vita quotidiana: la legalità è sicuramente una di queste.

Il tema della legalità come scelta, stile di vita, ricerca quotidiana, esperienza vissuta, valore condiviso, patrimonio custodito, bene comune, raccontato con lo sguardo e la sensibilità dei giovani studenti.

Un viaggio alla “Ricerca della legalità” partendo dalle nuove generazioni che quotidianamente insieme a docenti, associazioni, gruppi di volontariato, si misurano con la conoscenza e il rispetto delle leggi, i diritti di cittadinanza, le regole e i pericoli del web, il bullismo e la sua versione digitale, il cyberbullismo.

Un’educazione alla legalità che significa fin da giovanissimi la conoscenza e il rispetto delle istituzioni, la padronanza delle norme della pubblica amministrazione, l’abitudine al rispetto delle leggi ed il rifiuto di ogni sua pur piccola forma di corruzione. È dunque questo il senso della campagna di sensibilizzazione promossa dalla Testata Giornalistica Regionale, che  proporrà diversi appuntamenti tra 25 il 30 gennaio.

La campagna vuole tracciare un itinerario nelle varie realtà locali, osservando come questo cammino verso la legalità viene affrontato, quali strade vengono seguite, quali ostacoli si incontrano verso una legalità sentita che sia veramente un bene condiviso. Ciascuna redazione, sulla base delle specifiche caratteristiche del territorio, sottolineerà in particolare un tema caratterizzante. Si darà conto in particolare dei progetti di educazione alla legalità che, promossi dal Miur, caratterizzano l’attività extracurriculare in molte scuole italiane.

 Come verrà sviluppato il “format”?

Si conferma l’articolazione già sperimentata con successo nelle precedenti campagne: collegamenti in diretta, servizi e inchieste in tutta la produzione della Tgr, Tv, Radio e Web. In particolare, la seconda edizione del Tg regionale darà spazio alle segnalazioni degli ascoltatori e ad eventuali approfondimenti che nascono da quelle stesse segnalazioni.

“Il Settimanale” regionale di sabato 30 gennaio sarà un’edizione monografica dedicata al tema della campagna.

Su twitter e su facebook sarà lanciato l’hastag #laricercadellalegalità.

Insomma una grande mobilitazione della Rai a favore della legalità. Un modo per avvicinare i giovani e far comprendere loro che cosa sia questa parola e che cosa voglia dire combattere per essa.

La legalità passa anche attraverso piccoli gesti, questo ne è un esempio.

Per ulteriori informazioni

Enrica Leone

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteRatio e Obsessio: Mario Schifano
Articolo successivoJeanne Hébuterne: “amor condusse ad una morte”
Mi chiamo Enrica Leone, sono nata a Lecco. Diplomata con maturità scientifica, ho intrapreso la carriera universitaria presso la facoltà di Giurisprudenza. Entusiasmo, iniziativa e dinamismo mi hanno da sempre spinto ad andare avanti nel lavoro così come nello studio. Adoro scrivere e questa passione mi ha portata ad intraprendere avventure di ogni genere per poter portare a casa interviste ed acquisire il giusto grado di esperienza, per rendere i miei articoli ancora più miei. Una passione che mi ha portata a pubblicare pochi mesi fa il mio primo romanzo: Basta avere coraggio, presso la casa editrice Arduino Sacco Editore. Non smetto mai di rincorrere i miei sogni ed il più delle volte questi diventano i miei obiettivi che cerco in tutti i modo di raggiungere. Alla scrittura, da poco tempo ho affiancato il lavoro di organizzatrice di eventi di beneficenza ed assistenza alla comunicazione. Mi piace il contatto con il pubblico. A detta di chi collabora con me, sono una persona estremamente precisa, metodica e puntuale. Attenta affinchè il compito affidatomi possa venir portato a termine nel miglior modo possibile e nel tempo necessario. Amo il cinema, la televisione (quella di qualità) e tutto ciò che ha a che fare con lo spettacolo ed è questo ciò di cui mi occupo.

1 COMMENTO

Comments are closed.