ANM, sospese tutte le corse notturne a Scampia e a Piscinola

0
101
ANM, corse notturne sospese tra Scampia e Piscinola
ANM, corse notturne sospese tra Scampia e Piscinola

È di qualche ora fa la notizia data dall’ANM: a causa dei continui atti teppistici, le linee notturne quali R5, N5 e N8 dopo le 21 devieranno il percorso.

Normalmente il percorso prevedeva la fermata finale alla metropolitana di Piscinola, da stasera in poi gli autobus dall’incrocio di Via Ghisleri percorreranno via Baku, via Roma verso Scampia, il Quadrivio di Secondigliano, per poi tornare indietro. La decisione è stata presa in seguito all’ennesima aggressione da parte di una baby gang che ha preso a sassate la porta centrale e il parabrezza fino a sfondarle del tutto. Non sono nuovi appunto questi episodi.

Nello stesso mese, una baby gang intorno alle 23 in via Monte Rosa, quartiere Scampia, aveva accerchiato un pullman lanciandogli oggetti al punto da rompere due finestrini. Lo stesso autista, d’altronde, aveva subito già in precedenza atti vandalici dello stesso genere. Sempre nella stessa via, una baby gang prese di mira il pullman N8 accerchiandolo e lanciandogli sassi. Il conducente era presente all’interno del bus.

Non si può certo più tollerare che le baby gang debbano seminare il panico in città, causando per giunta gravi danni al servizio pubblico dei trasporti e mettendo a repentaglio la sicurezza degli autisti e del personale ANM, senza che nessuno sia in grado di limitare o contrastare il fenomeno in maniera efficace.

Il personale ANM non ce la fa più ed è legittimamente spaventato, sembra impossibile effettuare il servizio di sera. Ecco il motivo per il quale hanno adottato questo genere di soluzione. Non mancano già di per sé i problemi che hanno i trasporti in zona, dalla manutenzione alle mancate corse che affliggono ogni giorno gli autobus, i treni, le metropolitane, ragion per cui bisognerebbe averne più accortezza in quanto sono fondamentali per il welfare sociale ed è assurdo che ragazzini irresponsabili debbano rovinare quel poco che rimane di utile.

Maria Baldares

CONDIVIDI
Articolo precedenteI fascisti colpiscono ancora
Articolo successivoUSA: tra Sanders e Trump, al via i caucus
Frequento il secondo anno in Scienze della Comunicazione e sogno di diventare una giornalista a tutti gli effetti. Sono sempre stata decisa a voler intraprendere questo tipo di carriera e ciò che ha contribuito a far coltivare questa passione è stato il quartiere in cui sono nata e crescita. Vivo a Secondigliano, inutile dirvi le difficoltà e i problemi che purtroppo esistono e persistono ma allo stesso tempo ci sono tante persone che fanno di tutto per cambiare le cose, io sono una tra queste. Spesso si guarda solo il negativo delle cose tralasciando l'altra parte della medaglia, quella positiva.

NESSUN COMMENTO