Elton John a Sanremo, Gasparri: “Uno schifo umano”

0
91
Elton John a Sanremo
Elton John a Sanremo

Reginald Kenneth Dwight, alias Elton John, classe 1947, nominato Sir dalla regina Elisabetta II, sarà uno degli ospiti internazionali del prossimo festival di Sanremo. Presenterà nell’occasione il suo nuovo singolo Blue Wonderful, che è uscito ieri.

<<Non ho mai fatto un disco così energico>>, ha dichiarato. Ma è proprio la presenza del cantante sul palco dell’Ariston a scatenare l’ira di Maurizio Gasparri, vicepresidente del Senato, il quale si è lasciato andare a parole inconsulte: <<Elton John è uno schifo umano e con l’utero in affitto si arriva all’eugenetica e al nazismo. Se viene a Sanremo si limiti a cantare e non faccia il guru dell’utero in affitto>>.

Dall’alto della sua villa di Beverly Hills, chissà se Elton John ha mai sentito parlare del nostro vicepresidente dei senatori. Ma chi è Elton John?

Nato a Pinner, nella Grande Londa, inizia a soli tre anni a suonare il piano, sostenuto dalla nonna e dalla madre, dimostrando fin da subito il suo innato talento per la musica. Il rapporto difficile con il padre e violenti litigi tra i suoi genitori, con conseguente divorzio, segnano profondamente il suo carattere introverso.  “Volevo che mio padre fosse fiero di me, ma non è mai venuto a vedere un mio concerto. Ha sempre detto che il rock and roll era una vergogna, forse peggio del mio essere gay e, anche quando sono diventato famoso, per lui non è stato mai abbastanza”.

Di lì a poco, l’uomo che sua madre deciderà poi di sposare, diventerà per lui un importante punto di riferimento.  Nonostante i suoi successi e i suoi musical, Elton John rimane per molto tempo ancorato alle sue ossessioni, fino a quando l’amicizia con Ryan White, malato di AIDS, non gli cambia completamente la sua visione di vita. Alla morte del ragazzo, nel 1990, smette di drogarsi e decide di liberarsi dalle sue dipendenze e dall’alcol. Guarito anche dalla bulimia, ammette ufficialmente di essere omosessuale e fonda la Elton John Foundation, per finanziare la ricerca e la prevenzione della malattia. “La droga – spiega John – mi ha fatto da cornice, mi sono divertito, ma riportava costantemente a galla la parte più oscura e orribile di me. Dovevo scendere fino in fondo per risalire e scoprire chi ero. Ora, quando ripenso a tutto, posso solo dire che è stato un terribile spreco”.

Nel 1996 incontra per la prima volta David Furnish, il canadese di 16 anni più giovane che sposerà nel 2014 e col quale avrà due meravigliosi bambini. Nel 2010 e nel 2013 nascono, infatti, i loro due figli: i loro semi sono stati trapiantati nell’utero della stessa donna, una madre surrogata, grazie alla fecondazione in vitro.

David è stato accusato dalla stampa giornalistica di aver preso in consegna la sua vita, diventando suo manager e amministrando i suoi beni, applicando un considerevole regime di riduzione dei costi della star. “Qualcuno deve essere Crudelia De Mon” – scherza Elton a difesa di suo marito. “La gente pensa che sia ambizioso, ma lui non è questo. La mia attività è solvente da quando David ne ha assunto il controllo e abbiamo anche soldi messi da parte. Egli si prende cura del business e lo fa perché mi ama e vuole che la nostra famiglia abbia un futuro sicuro”.

I due rappresentano una famiglia equilibrata e felice e, proprio in questi giorni, sono al centro delle polemiche che stanno dividendo l’opinione pubblica sui matrimoni civili e le adozioni alle coppie gay.

(Fonti: The Telegraph – il Giornale – Il Messaggero)

Anna Lisa Lo Sapio

CONDIVIDI
Articolo precedenteUSA: tra Sanders e Trump, al via i caucus
Articolo successivoLa famiglia naturale non è quella che educa dei fascisti
Nata in provincia di Napoli, 11/06/1983. E' Laureata in Scienze Politiche. Inizialmente, ha lavorato nell'area commerciale di alcune aziende ma ha presto capito che la sua strada non poteva avere a che fare solo con l'aspetto economico della vita. Amante della storia e appassionata dei segreti di Stato, ha realizzato studi e ricerche sulla società italiana durante gli anni di piombo e sui motivi che spingono l'uomo a commettere stragi e ribellioni contro altri uomini. Di se stessa dice : "Meglio vivere una verità difficile che una bugia comoda". Vive a Edimburgo. Per scriverle: losapio.annalisa@libero.it

NESSUN COMMENTO