Dai dati recentemente pubblicati dall’Istituto francese di ricerca per lo sviluppo (IRD) è emerso che ogni anno un milione e mezzo di uccelli, pesci, balene e tartarughe muoiono soffocati o avvelenati a causa dei rifiuti e in particolare dalla plastica. E’ stato calcolato che annualmente nei mari finiscono circa 8 milioni di tonnellate di materiale plastico, ossia un camion zeppo di spazzatura al minuto e la situazione sembra destinata a peggiorare.

Andando avanti di questo passo nel 2050 gli oceani potrebbero contenere più plastica che pesci. Il pesce pescato, attualmente, è di uno a cinque, ma sta diminuendo a ritmo frenetico: nel 2025 questo rapporto sarà di uno a tre. In pochi decenni il quantitativo di fauna presente nei mari sarà inferiore rispetto a quello di rifiuti di plastica.

Il problema, a detta dei ricercatori, è dovuto al fatto che gli oggetti in questione non vengono riciclati a dovere, ma gettati nei mari. Dal 1964 a oggi, la produzione di plastica nel mondo è aumentata di ben venti volte e entro il 2050 si quadruplicherà. Oggigiorno solo il 5% di questi rifiuti viene riciclato, il 40% finisce in discarica, e un terzo direttamente negli ecosistemi naturali, quali gli oceani.

Secondo quanto rivelato da una ricerca condotta dall’organizzazione ambientale Ocean Conservancy in collaborazione con McKinsey i principali responsabili non sono i Paesi occidentali più industrializzati, ma cinque nazioni asiatiche: Cina, Filippine, Thailandia, Indonesia e Vietnam. I rischi per l’ecosistema sono enormi in quanto la plastica ingerita influisce sul sistema endocrino e immunitario degli animali marini con ovvie ripercussioni sulla catena alimentare di cui anche l’uomo fa parte.

L’emergenza è evidente e bisogna agire nell’immediato. Gli studiosi hanno trovato alcune soluzioni per far fronte a questa spinosa questione. Gli scienziati dell’Imperial College di Londra sostengono che la pulizia degli oceani dalla plastica debba partire dalle coste, aree densamente popolate e sfruttatate economicamente, attraverso l’utilizzo di collettori per le microplastiche, ossia barriere galleggianti dispiegate che convogliano la plastica e la rimuovono.

La seconda soluzione è quella di ridurre la produzione di materiale plastico soprattutto nel settore del packaging, ossia gli imballaggi dei prodotti che compriamo. In tal caso, per raggiungere l’obiettivo, è necessaria una stretta collaborazione tra istituzioni, cittadini e aziende e sarebbe utile la nascita di un organismo indipendente per coordinare questo processo.

La terza e ultima risoluzione individuata è un’introduzione più massiccia di bioplastiche compostabili che vengono smaltite senza problemi nella frazione organica. Ciò comporterebbe grandi vantaggi per tutti, ambiente compreso.

Vincenzo Nicoletti

CONDIVIDI

Vincenzo Nicoletti nasce l’11 dicembre 1994 a Vallo della Lucania e si trasferisce con la famiglia a Brescia dove attualmente vive. Da sempre appassionato di lettura, viaggi, diritti umani e ambiente ha sviluppato una forte curiosità per il mondo che lo circonda nelle sue molteplici sfaccettature. Collabora con Libero Pensiero News come coordinatore della sezione Scienza.