Cosmopolitica, Scotto (SI): “Nuova stagione politica”.

0
486
Cosmopolitica
Cosmopolitica

Lunedì 15 febbraio, presso la Sala Nugnes del Consiglio Comunale di Napoli, la Federazione campana di Sinistra Ecologia Libertà tiene una conferenza stampa, “La Sinistra in Campania”, con lo scopo di illustrare il percorso politico che inizierà con la costituente di Cosmopolitica.

Tra gli invitati alla partecipazione ai lavori di venerdì 19, anche Salvatore Vozza, candidato Presidente alle regionali 2015 con la lista Sinistra Al Lavoro per la Campania che, col 2,32%, non è riuscita a superare la soglia di sbarramento.

Introdotto da Tonino Scala, coordinatore regionale di Sel, prende la parola Arturo Scotto, capogruppo alla Camera per Sinistra Italiana, che sulla scelta del nome dell’iniziativa unitaria che si terrà a Roma dichiara: “Penso che aver utilizzato questo termine non sia casuale in una fase di trasformazioni gigantesche, che soprattutto si trova in Europa, attraversata da una ripresa di nazionalismi molto forti, di muri che si alzano, di fili spinati.”

“Siamo di fronte al rischio che il sogno europeo venga messo profondamente in discussione.
Il processo democratico e federalista non è andato avanti, e abbiamo vissuto anni estremamente difficili sul piano economico, che sembrano non vedere una via d’uscita.
Ci candidiamo ad essere una forza che vuole incrociare tutte quelle energie positive che, nel corso degli ultimi anni, in Europa hanno provato a lanciare un messaggio alternativo alle politiche della decrescita e dell’austerità.
Lo vogliamo fare sapendo che in questo paese viviamo una fase di oscuramento di un messaggio positivo, dove sembra che l’unica alternativa sia o Renzi, o il caos dei grillini o della destra di Salvini. Non è così.”

Il Premier difende la bontà del suo operato, rivendicando di essere il solo rappresentante del cambiamento del Paese.

Ma per il deputato campano, se l’incompatibilità tra il decisionismo del capo del Governo e i diritti dei cittadini emergerà già con la sconfitta nei due referendum “ci sarà la possibilità di mettere in campo un’alternativa democratica e progressista, si potrà riaprire una stagione di alleanze e di ricostruzione democratica.”

Ma il passaggio del referendum “è decisivo perché un centrosinistra e un’alleanza progressista senza la possibilità di una partecipazione democratica, senza un parlamento che recupera una propria centralità, semplicemente non può esserci: rischia di essere il surrogato di quelle politiche che in Europa hanno portato alla crescita delle destre e dei populismi”.

“Cosmopolitica è il messaggio che lanceremo sabato e domenica.”

”Sinistra Italiana sarà il nome del soggetto politico che lanceremo e dovrà avere un’accumulazione di forze sul territorio: partirà la campagna di tesseramento, entro 2 mesi ci saranno appuntamenti in ogni città per costruire i comitati costituenti, provinciali e regionali.”

“Questo soggetto avrà una carta dei valori, che sarà discussa dagli iscritti e aderenti a SI.”

Cosmopolitica è una tre giorni che “va vissuta come il primo appuntamento verso il congresso costituente di Sinistra Italiana, che novembre, all’indomani dell’appuntamento referendario, vedrà la propria nascita”.

Grande attenzione viene dunque alle amministrative nella città di Napoli.

Si chiede quindi la nascita di una lista del nuovo soggetto in supporto a De Magistris, alla quale Scotto risponde: “Io non implicherei il nuovo partito al passaggio delle amministrative, che sono l’appuntamento in cui si discute delle città”.

Si fa riferimento in sala all’esperimento di Napoli in Comune, al quale Scotto e Scala annuiscono.

Alle domande su una ripresa dei rapporti col Partito Democratico in caso di sconfitta di Renzi nei referendum e nel voto di giugno, il deputato napoletano afferma:noi ci candidiamo ovunque con l’obiettivo di costruire coalizioni di progresso. Ci sono realtà in cui il PD non assume il voto del partito della nazione e realtà dove l’orientamento prevalente è guardare a destra.”

Eduardo Danzet

NESSUN COMMENTO