Sportello Cancro, Angelo Cirillo M5S

0
337
sportello
sportello

Angelo Cirillo, consigliere del Movimento 5 Stelle, ha presentato una mozione alla Giunta Regionale di inserire sul sito della Regione Campania la sezione “Sportello Cancro”.

Nel territorio mancava un’area che dava informazione e assistenza ai cittadini che scoprono di essere affetti di tumore, per questo si è dato avvio allo sportello che arriva alle persone che si trovano all’inizio della malattia, dando un aiuto concreto per aiutarle ad affrontare la battaglia contro il cancro. Uno strumento che sia quindi di informazione ma anche di indicazione; lo sportello infatti deve designare quali sono gli ospedali campani che si occupano dei tumori, il numero di ricoveri, gli interventi eseguiti, le sperimentazioni in corso ma più di tutto deve offrire la possibilità di dare un supporto psicologico, di conseguenza coinvolge tutte le direzioni ASL della Campania. Si ha proprio la necessità di dare forma ad un portale del genere se si pensi al numero spropositato di casi tumorali in Campania, la regione d’Italia con il maggior tasso di mortalità e che progressivamente va ad aumentare e si spera grazie all’avanzare della medicina che ci si può anche guarire. Inoltre, la sezione proporrà l’indice MediCare, già noto negli Stati Uniti, che consente di valutare la complessità globale del lavoro in un ospedale, come ad esempio il numero totale di interventi chirurgici eseguiti in un determinato ospedale in base al tipo di tumore. La mozione verrà discussa in aula nel Consiglio regionale ma che metterà forse tutti d’accordo per una volta in quanto non bisogna farne una questione politica, si tratta di un tema fin troppo delicato e importante per ignorarlo e non prenderne parte, per garantire il diritto alla salute dei cittadini campani, perché appunto nel momento in cui un individuo scopre di avere una malattia così complessa, ha tutto il diritto di avere a disposizione un servizio di assistenza nella ricerca di una cura ma anche di un’assistenza di tipo psicologico.

Maria Baldares

CONDIVIDI
Articolo precedenteAddio a Umberto Eco, cultura in lutto
Articolo successivoA caccia di talenti: Breel Embolo
Frequento il secondo anno in Scienze della Comunicazione e sogno di diventare una giornalista a tutti gli effetti. Sono sempre stata decisa a voler intraprendere questo tipo di carriera e ciò che ha contribuito a far coltivare questa passione è stato il quartiere in cui sono nata e crescita. Vivo a Secondigliano, inutile dirvi le difficoltà e i problemi che purtroppo esistono e persistono ma allo stesso tempo ci sono tante persone che fanno di tutto per cambiare le cose, io sono una tra queste. Spesso si guarda solo il negativo delle cose tralasciando l'altra parte della medaglia, quella positiva.

NESSUN COMMENTO