Gli attivisti presidiano la Regione Campania: ”De Luca non ha mantenuto i suoi impegni”

0
477

Questa mattina sono scesi nuovamente in piazza i movimenti per il diritto all’abitare, dei disoccupati e dei precari organizzati, i collettivi studenteschi e alcune reti civiche.
Gli attivisti si sono riuniti, intorno alle ore 10:00, in assemblea all’esterno degli uffici della Regione Campania di via Santa Lucia.

Bruno Martirani, attivista dello Zero 81 dice: «De Luca si è accorto che dal 2008 migliaia di precari sfilano per le strade di Napoli poichè la Campania è la regione dell’emergenza sociale. Un’emergenza sia abitativa che legata al reddito pro capite effettivo che è una caratteristica purtroppo di questa Regione.
Noi – prosegue – ci auguravamo che il Presidente De Luca aprisse dei canali di interlocuzione con le esperienze dal basso che oggi propongono delle soluzioni a questo malessere generale; basti pensare alla campagna per il Reddito Minimo Garantito, la campagna per il Diritto all’Abitare. Purtroppo non abbiamo raggiunto il nostro obiettivo. Però il Governatore in un’intervista a fine dicembre aveva promesso che con i fondi strutturali e i soldi della Regione avrebbe risolto le emergenze sociali. Ad oggi constatiamo che si è trattato solo di parole e gli ricordiamo che i precari ci sono ancora, il capitolo sulla gestione dei fondi europei non è mai stato aperto» – conclude Martirani.

I manifestanti hanno mosso critiche al governatore sia sulla gestione del sistema sanitario, definita ”drammatica” che sui trasporti, dove sempre secondo gli attivisti, non è sufficiente la gratuità totale del servizio (andrà in vigore dal prossimo mese di giugno) per gli studenti fino ai 26 anni. «Il sistema dei trasporti in Campania è al collasso» – dice uno dei manifestanti. «Non basta – prosegue – la gratuità fino ai 26 anni, tralaltro relativa solo alla tratta scuola casa e viceversa, occorre un piano di risorse da investire concreto, per risollevare una situazione oramai al collasso»
Opposizione, ancora una volta, al commissariamento di Bagnoli.

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis
Foto: Laura Davide

8267543

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteSinistra Italiana, presidio a Napoli per il trasporto pubblico (VIDEO)
Articolo successivoContenitori per la differenziata e Ecopoint
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO