Contenitori per la differenziata e Ecopoint

0
247
contenitori
contenitori

Napoli si tinge ormai di verde o almeno tenta di portare un equilibrio sano in città. Finalmente qualcosa si smuove.

Da qualche giorno infatti sono stati posizionati tre maxi contenitori a scomparsa per la raccolta differenziata, a pochi passi da Piazza Municipio, attraverso un accordo della Metropolitana e l’Asia. Grazie alla loro ampiezza, ben cinque metri cubi a disposizione per ogni elemento, il contenuto verrà svuotato più facilmente e in minor tempo possibile ma sopratutto questi non andranno affatto a guastare il panorama urbano, ogni contenitore ha tre cupolini con uno sportellino in cui inserire il materiale da riciclare e quindi acquistano un impatto estetico limitato sull’ambiente circostante. Altri maxi contenitori verranno posizionati a Piazza Garibaldi appena si saranno completati i lavori di riqualificazione.
Ma le buone notizie non finiscono qui, a Piazza Nazionale è situato il macchinario Ecopoint, già in uso da tempo nelle province, è una sorta di distributore che riciclando la plastica, ti dona in omaggio buoni spesa, facendo così l’utile e il dilettevole, perché da un lato si cerca di salvaguardare l’ambiente ma allo stesso tempo si può risparmiare  grazie ai buoni spesa ma in particolar modo andrà a beneficiare anche i supermercati che hanno aderito a questa iniziativa che vedranno aumentare la proprio clientela, insomma nessuno si può lamentare. L’operazione è semplice, basta inserire bottiglie di plastica, flaconi in HDPE e lattine di alluminio e di rimando uscirà uno scontrino valido come buono spesa da utilizzare nel punto vendita indicato. Un altro aspetto positivo di questo intervento è che permette un minore emissione di anidride carbonica nell’aria e il materiale viene subito raccolto dalle aziende e non si deposita nei centri di smistamento.
Sono tutte iniziative interessanti, sperando davvero che questa sia la volta buona che qualcosa cambi, per il bene del territorio ma sopratutto di chi lo vive.

Maria Baldares 

CONDIVIDI
Articolo precedenteGli attivisti presidiano la Regione Campania: ”De Luca non ha mantenuto i suoi impegni”
Articolo successivoIl politologo Sartori su Renzi: «imbroglione e inaccettabile»
Frequento il secondo anno in Scienze della Comunicazione e sogno di diventare una giornalista a tutti gli effetti. Sono sempre stata decisa a voler intraprendere questo tipo di carriera e ciò che ha contribuito a far coltivare questa passione è stato il quartiere in cui sono nata e crescita. Vivo a Secondigliano, inutile dirvi le difficoltà e i problemi che purtroppo esistono e persistono ma allo stesso tempo ci sono tante persone che fanno di tutto per cambiare le cose, io sono una tra queste. Spesso si guarda solo il negativo delle cose tralasciando l'altra parte della medaglia, quella positiva.

NESSUN COMMENTO