Studenti in strada ad Eboli per la difesa del liceo classico Perito- Levi

0
173

22 febbraio 2016, giornata intensa per gli studenti ebolitani che scendono in strada per far valere i propri diritti. I temi in questione sono: difesa del Liceo classico Perito – Levi, minacciato in questi mesi dalla concessione di sezioni a indirizzo classico–musicale al Liceo E. Medi di Battipaglia, piano concordato dalla Provincia  fortemente in disappunto con le idee di cittadini e studenti. perito-e1455889755815-600x330
Lo stesso sindaco di Eboli, Massimo Cariello, nelle scorse settimane ha richiesto un incontro con il governatore della Campania Vincenzo De Luca per evitare la creazione di nuove sezioni, ciò porterebbe a un inaridimento del territorio dal punto di vista culturale ed economico; se il piano dovesse essere attuato, il Liceo Perito-Levi perderebbe molti iscritti infatti esso si regge su 600 alunni, tenendo conto del calo demografico, fino ad avere il saldo naturare pari a 0 , nell’arco di due o tre anni il Liceo potrebbe perdere vita.
Come ha affermato il primo cittadino:

“Ho lanciato al governatore un forte appello, affinché non si consumi una scelleratezza che sarebbe gravissima per il territorio dove non c’è bisogno di raddoppiare un’offerta che già soddisfa in pieno la richiesta”. 

A far sentire il propio pensiero sono stati anche gli studenti del Liceo in questione, determinati a cambiare le carte in tavola. Infatti, la manifestazione tenutasi il 22 febbraio, fortemente voluta dal Preside dell’Istituto dall’amministrazione comunale e dagli studenti di tutti gli istituti del territorio. Il corteo è partito dalla sede del Liceo Classico sfilando per le strade fino alla piazza di Eboli e infine il Comune, ove si è tenuto un dibattito aperto agli studenti sui temi in questione.

Come ha affermato il rappresentante degli studenti: “Da studente posso dire di aver visto pochissime volte una presenza così sentita da parte degli altri ragazzi ad un corteo. Chi dice che siamo menti immobili, si sbaglia, e questa ne è la dimostrazione.”

Dopo la manifestazione degli studenti, ha preso parte ad essa anche il Sindaco di Eboli, dichiaratosi vicino all’Istituto e agli studenti incentivando i presenti a rimanere uniti per il bene di tutto il territorio e della cultura. Il dibattito è continuato nella sala comunale di Eboli, con la presenza dei cittadini, degli studenti al fine di continuare la protesta con altre iniziative qualora il ricorso al TAR inviato dalla giunta comunale non dovesse avere gli esiti positivi sperati.

Nicoletta Crescenzo

NESSUN COMMENTO