Fantabreak: gallina vecchia fa buon brodo, ma non al fantacalcio

0
543
dipendenza

Salve a tutti, cari amici di Fantabreak. In questa puntata vogliamo sfatare un vecchio proverbio, cioè: “Gallina vecchia fa buon brodo” che fantacalcisticamente parlando potremmo tradurre in “giocatore datato produce bonus prolifici”. Affinché riuscissimo nel nostro intento, vi presentiamo due esempi per categoria. Partendo da due campioni del mondo come Luca Toni (1977) e Francesco Totti (1976), che in questa stagione non rispettano i propri canoni fantacalcistici, dato che il primo in 15 presenze ha realizzato solo 5
gol e 0 assist conseguendo una fantamedia voto non da lui: infatti la media voto pura è a
quota 6, mentre la fantamedia, grazie ad una mediagol di uno ogni fantabreaktre partite è di 6,73, condannando la squadra scaligera alla quasi e certa retrocessione, dato che su lui si era puntato sperando che l’affiancamento di Pazzini potesse giovargli, ma con i suddetti dati si capisce che l’intento non è stato raggiunto, condannando le fantasquadre detentrici de
l cartellino che credevano ancora nell’attaccante gialloblu. Come già detto lo scaligero, non è solo con lui ci sono anche altre pietre miliari del calcio italiano cioè Francesco Totti, che quest’anno sia per incomprensioni tecniche con l’ex allenatore Rudi Garcia non ha reso come gli è solito fare, infatti quest’anno ha realizzato poco ed al di sotto delle proprie aspettative godendo di una media voto pari al 5,7 ed una fantamedia di 6,4, la leggera disparità in positivo è data dal singolo gol e dal singolo assist da lui realizzato. Ultimo esempio di recessione è Totò Di Natale, che sia per un Udinese con modificate gerarchie in attacco, e sia per l’età ormai avanzata ha visto l’attaccante scendere in campo solo 19 volte realizzando un paio d’assist ed un singolo gol creando la disparità sebben minima tra mediavoto 5,59 e fantamediavoto 5,89. 12789663_10207313505948632_843409088_oQuesti dati e le conseguenti stime smontano quasi per intero le valutazioni precampionato in cui nei giorni pre-asta iniziale ci si prefissa l’obiettivo di acquistare quei giocatori equiparabili a delle certezze fantacalcistiche, spesso raggiungendo cifre spropositate e tralasciando i giovani di buone speranze, come per esempio “il gallo” Andrea Belotti, che essendo meno noto rispetto i datati colleghi ed avendo messo in mostra in palcoscenici meno famosi, venendo lui da stagioni, alquanto discrete facendo spola tra Albinoleffe e Palermo, squadre di poca notorietà, grazie allo scouting granata ha raggiunto la Serie-A, scalando ,statistiche alla mano, le graduatorie di titolarità, sperando di fare utopisticamente breccia nel cuore di Conte, affinché riesca a strappare una candidatura per Euro ’16. Complimenti a chi ci ha creduto con difficoltà, poiché si è ritrovato un tesoretto in rosa, sebbene può capitare la tipica giornata NO, dove non rende a dovere, infatti in quest’ultimo turno che ha visto il suo Torino sfidare il Milan al S.Siro, uscendo da sconfitto, anche perché lo stratega Mihajlovic gli crea intorno una gabbia quasi a limitarne la pericolosità, ma il gallo non demorde e da a tutti appuntamento alla prossima giornata, in cui giocherà in casa propria , e con la spinta dei propri tifosi si rende molto di più. Sperando di fornire qualche bonus. Buon Fantabreak a tutti.

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteFesta della donna: musei gratis per le donne
Articolo successivoCorte di Strasburgo: «Italia responsabile della tortura di Abu Omar»
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

NESSUN COMMENTO