La battaglia degli attivisti di Casalnuovo: ”L’11 marzo bloccheremo RAMOIL”

0
1610

La battaglia per la tutela e la difesa del territorio di Casalnuovo di Napoli venerdì 11 marzo vivrà una nuova tappa molto importante.
Per l’occasione, infatti, il movimento C’At accis a salut, insieme con il coordinamento dei fuochi, il presidio di Libera Casalnuovo e diverse scuole elementari, medie e superiori scenderanno in piazza in corteo per chiedere l’immediata chiusura della Raffineria Meridionale di Oli Lubrificanti, RAMOIL.

Gabriele Aiello, fondatore e portavoce del movimento C’At accis à salut, al termine di una partecipata assemblea verso il corteo dell’11 marzo interviene ai microfoni di Libero Pensiero News per sottolineare l’importanza della data.
Di seguito l’intervista:

Come sta andando il percorso in vista dell’11 marzo e soprattutto come si svolgerà la manifestazione?
Il concentramento è previsto per le 9:30 alla stazione della circumvesuviana di Casalnuovo.
Per l’occasione faremo diverse iniziative, tra cui caleremo uno striscione in via Arcora, precisamente dal balcone del centro antiracket. In via Filchito, fuori lo stabilimento RAMOIL, invece bloccheremo simbolicamente l’accesso ai cancelli e caleremo un nuovo striscione.

In quasi due anni dalla fondazione del movimento C’At accis à salut, quali sono gli obbiettivi che avete raggiunto e quali invece quelli che dovete ancora raggiungere?
A breve partirà finalmente l’osservatorio ambientale a Casalnuovo. Questa, rappresenta una grandissima vittoria per noi perchè questo osservatorio è stato pensato da noi, compreso il suo regolamento. Faranno parte dell’osservatorio un delegato dell’Arpac, un delegato dell’Asl, il sindaco e un assessore che presiederanno l’osservatorio e tre delegati dei comitati che ruoteranno ogni 6 mesi, poi un medico dell’ambiente e un medico di zona.
Bisogna istituire le centraline, poi c’è da procedere assolutamente con le bonifiche.

A Casalnuovo muoino tantissimi bambini. Come mai il Governo è stato così miope da giudicare solo da poco Casalnuovo città della Terra dei Fuochi?
Purtroppo questa è stata un’altra nostra vittoria. Abbiamo sempre detto dal 13 febbraio che Casalnuovo era Terra dei Fuochi. Il Governo non ha mai detto che la nostra città fosse Terra dei Fuochi, a causa del negazionismo delle precedenti amministrazioni.
grazie al nostro intervento l’amministrazione comunale uscente e l’attuale sono stati costretti a parlare di Terra dei Fuochi.

Come pensi si debba combattere la Terra dei Fuochi?
A noi non servono militari. Serve non tacere e smetterla di far continuare a sversare i rifiuti sui propri terreni. Bisogna denunciare subito i roghi tossici e gli sversamenti. Dobbiamo diventare osservatori del nostro territorio.

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteForum dei giovani di Cercola lancia Esonamo’
Articolo successivoUniversità: Il 18 e il 19 maggio si voterà per il CNSU
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO