Lega Pro: la Casertana vince ancora

Matute e Alfageme firmano il meritato successo nel derby. I falchetti agguantano momentaneamente la vetta in attesa delle gare di Benevento e Lecce.

0
259
Casertana
Casertana

Con una rete per tempo la Casertana regola la pratica Ischia ed ottiene così la seconda vittoria consecutiva, dopo lo 0-1 di Catania di sabato scorso. I falchetti conquistano il primo successo di questo 2016 davanti al proprio pubblico:l’ultima vittoria al “Pinto” infatti risaliva addirittura al 21 dicembre 2015 (4-1 al Messina).

Con questi 3 punti la Casertana si riporta, seppur momentaneamente, di nuovo in testa alla classifica del gruppo C, a quota 46 assieme al Benevento. Gli “stregoni” saranno oggi impegnati sul campo del Catanzaro, mentre il Lecce (fermo a 45 punti) avrà di fronte al “Via del Mare” il Melfi. I rossoblù guadagnano punti importanti anche sul  Foggia,  crollato  3-0 ad Andria.

LA CRONACA DELLA PARTITA- Nella Casertana ritrova posto dal 1’ nel pacchetto difensivo Rainone, che aveva saltato la trasferta di Catania per squalifica. Confermato Pezzella a centrocampo, con Tito non ancora al 100% che parte dalla panchina. In avanti tocca di nuovo alla coppia d’attacco Alfageme-De Angelis. L’Ischia di mister Di Costanzo si schiera invece col suo solito 4-2-3-1: Iuliano in porta; difesa composta da Bruno, Filosa, Moracci e Porcino; a centrocampo Acampora e Blasi con Armeno, Di Vicino e Pepe alle spalle del numero 9 Gomes.

È una Casertana vogliosa e spregiudicata sin dalle prime battute quella che scende in campo contro l’Ischia, reduce da tre sconfitte consecutive. La prima occasione arriva dopo soli 7 minuti, con un tiro di Idda che termina a lato. All’11esimo è Alfageme con un gran diagonale ad impegnare Iuliano. Lo sforzo offensivo rossoblù continua e al 14esimo è Rainone a cercare il goal con un tiro al volo sull’angolo battuto da Mancosu. Al 16’ ed al 20’ è Alfageme a provarci con due colpi di testa che però terminano sul fondo. La Casertana assedia l’area di rigore avversaria provandoci con una conclusione di Mancosu prima e di Idda dopo. Al 37’ i falchetti trovano finalmente il meritato vantaggio: sulla botta dal limite di Matute il portiere ischitano Iuliano non può nulla. Secondo goal stagionale per il centrocampista camerunense. Il primo tempo si conclude con la Casertana avanti.

Pronti, via e la Casertana apre la ripresa trovando la rete del raddoppio, che blinda la partita. Mancosu lancia in profondità Mangiacasale che serve benissimo Alfageme in area; per l’argentino è un gioco da ragazzi insaccare la rete del 2-0. L’Ischia si affaccia per la prima volta dalle parti di Gragnaniello al 53esimo con un tiro di Di Vicino che termina alto. La Casertana gestisce con tranquillità il vantaggio, non rinunciando a creare nitide occasioni da goal. Scatenato Mancosu che in pochi minuti sfiora più volte il goal: al 65’ la sua conclusione finisce di poco alta. Al 71’  l’ex Cagliari e Benevento disegna una splendida traiettoria su calcio di punizione; il pallone però centra in pieno la traversa. Un minuto più tardi è ancora il numero 8 rossoblù a centrare il palo con un bel diagonale dal limite. A dieci minuti dal termine l’Ischia ci prova timidamente con Di Vicino, ma la sua conclusione non crea pericoli all’estremo difensore rossoblù. Nella parte finale di gara non succede granchè e dopo 5 minuti di recupero arriva il triplice fischio del direttore di gara Piscopo, che sancisce la 13esima vittoria stagionale per gli uomini di Romaniello.

Al termine del match, in sala stampa, un felicissimo Corvino ha così commentato la prova della sua squadra: “Finalmente torniamo a vincere davanti al nostro pubblico. Non è certo frutto del caso. Ci stiamo lasciando alle spalle un periodo non facile, in cui infortuni ed episodi negativi hanno rallentano la nostra corsa. Adesso siamo pronti per l’importante sfida di Benevento. La nostra attenzione è rivolta anche al ricorso relativo alla sfida con il Lecce. Crediamo fortemente nella legge. Qui non si tratta di interpretare la norma. Parla chiaro. Va semplicemente applicata”

Domenica prossima, come detto dal presidente, c’è una sfida decisiva: i falchetti saranno ospiti proprio al “Santa Colomba” di Benevento, in quello che si preannuncia un vero e proprio derby-spareggio per la serie B.

CLASSIFICA: Casertana46, Benevento46*, Lecce45*, Foggia44, Cosenza44*, Matera35*, Messina34, Andria33, Paganese32*, Akragas31*, Juve Stabia27*, Monopoli27*, Catanzaro26*, Catania25*, Melfi22*, Ischia20, Martina Franca16*, Castelli Romani8.

CASERTANA – ISCHIA 2-0

CASERTANA (3-5-2) – Gragnaniello; Idda, Rainone, Murolo; Mangiacasale (35′ st De Marco), Matute, Agyei (38′ st Capodaglio), Mancosu, Pezzella (14′ st Som); Alfageme, De Angelis. A disp.: Maiellaro, Guglielmo, Varsi, Tito, Cesarano, Giannone, Marano, De Filippo, Signoriello.All.: Romaniello.

ISCHIA (4-4-2) – Iuliano; Porcino (15′ st. Kanoutè), Filosa, Moracci, Bruno; Armeno (30′ st. Florio), Blasi, Acampora (23′ st. Manna), Di Vicino; Pepe, Gomes. A disp.: Modesti, Savi, Guarino, De Clemente, Palma, Spezzani. All. Di Costanzo.

ARBITRO : Piscopo di Imperia.

MARCATORI : 37′ pt Matute (C), 2′ st Alfageme (C).
AMMONITI: Bruno (I), Iuliano (I), Gomes (I), Rainone (C), Gragnaniello (C).

 

Ugo D’Andrea

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteTAC & The Beatles: le origini della TAC
Articolo successivoEx Opg, un anno di lotta
Ugo D'Andrea nasce a Piedimonte Matese (CE) l'11/10/1992. Sin da piccolo è appassionato di sport. Amante dei viaggi e del buon cibo. Studia Lingue e Letterature straniere presso l'Università "L'Orientale" di Napoli. Redattore e collaboratore presso il portale web "Calcio Estero News (CEN)".

NESSUN COMMENTO