Maria Sharapova, distrazione fatale

0
212

Il 7 marzo, Maria Sharapova, attualmente una delle più grandi tenniste al mondo, convoca una conferenza stampa a Los Angeles per comunicare una notizia importante. Il mondo dello sport, incuriosito, inizia con il totonotizia su quale sia la notizia tanto importante che sta per dare la Sharapova: in dolce attesa? Un nuovo grande accordo come testimonial?

Purtroppo no, nulla di tutto questo. Alla conferenza stampa, Maria Sharapova comunica una notizia shock: “L’Itf mi ha comunicato che sono risultata positiva a un controllo antidoping al Meldonium durante gli Australian Open di Melbourne. Il medicinale l’ho assunto, peraltro come faccio da anni, ma mai ero risultata positiva all’antidoping. Lo prendevo come medicinale e francamente non ero consapevole delle conseguenze”. Il Meldonium è utile per curare una carenza di magnesio dovuta ad un principio di diabete ereditario. In realtà, Sharapova dice anche di essere consapevole del fatto che l’elenco delle sostanze proibite era stato aggiornato qualche mese fa e, nell’elenco, ha fatto la sua comparsa il Meldonium, ma la Sharapova ammette di non aver letto la comunicazione ufficiale.

Purtroppo arriverà una sospensione per la campionessa. La notizia appresa dai principali media e dai social è stata accolta con notevole dispiacere e delusione da parte di tutti gli appassionati di tennis e dagli ammiratori della bellissima tennista russa. Maria Sharapova è apparsa davvero triste per l’accaduto e crediamo che tutto sia accaduto in buona fede. Crediamo nell’assunzione di responsabilità della tennista e nelle sue “scuse” con tutti per la delusione. Le sue scuse le accettiamo, anche perché crediamo che, come da sua ammissione, si sia distratta davvero. Distrazione non ammissibile, certo, come lei stesso dice, perché aveva il dovere di informarsi continuamente sulle sostanze che usa per le sue cure. Non lo ha fatto perché, secondo noi, tutto ciò è frutto del continuo e dilagante merchandising su tutto. Chi segue Maria Sharapova sa bene che la sua impressionante bellezza è oro per molti marchi internazionali. Questa bella e statuaria tennista russa è stata fagocitata dall’impressionante numero di impegni che la vedono coinvolta in tutto il mondo per cause lontane dal tennis (sfilate, spot, eccetera). Si è lasciata distrarre dal suo “secondo” mestiere, che tanto secondo non era più. In queste ore, proprio gli sponsor più importanti la stanno lasciando. Forse tra essi vi è anche quello per il quale Maria Sharapova ha tolto tempo alle letture delle comunicazioni della federazione internazionale. Spera di avere un’altra possibilità Maria, lo speriamo anche noi.

Salvatore Annona

CONDIVIDI
Articolo precedenteCgil, le donne e la società
Articolo successivoCerreto antica rinasce con droni e tecnologia 3D
Nato a Napoli nel 1975 vi ho vissuto fino ad oggi, senza mai emigrare. Dopo il diploma di geometra, ho conseguito la Laurea in Ingegneria Civile nel 2005 con tesi in Ingegneria Sismica. Ho una splendida famiglia con moglie e due splendidi figli. Attualmente esercito la libera professione e sono membro della Commissione Manutenzione e Recupero degli Edifici Industriali presso L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli. Curioso sin dalla nascita, ho coltivato diverse passioni come la lettura e la grafica digitale. Amo immensamente la musica e lo sport (in particolare il calcio ed il tennis).

NESSUN COMMENTO