Donne d’Africa al Pan di Napoli

0
353
Donne d'Africa - scatto di Andrea Mazzella

Il 16 marzo 2016 al PAN di Napoli si terrà una mostra fotografica intitolata “Donne d’Africa”, per mettere in luce la forza del sesso femminile nel continente africano. Il progetto nasce appunto dall’idea di mostrare,attraverso alcuni scatti, le donne appartenenti ai vari stati dell’Africa nella loro interezza: Marocco Nigeria, Sudafrica, Ruanda.

PAN - Palazzo delle Arti Napoli - via dei Mille,60
PAN – Palazzo delle Arti Napoli – via dei Mille,60

L’evento si aprirà alle ore 16.30 con un convegno introdotto da Maria Cristina Ercolessi, docente di Sistemi politici e sociali dell’Africa contemporanea presso l’Università degli studi di Napoli L’Orientale, ed interverranno:

Christiana Ruggieri, giornalista del tg2 e autrice di:“Dall’inferno si ritorna. La vera storia di Bibi in fuga dal Ruanda”, con lettura di Fabiana Sera;

Sara Borrillo, ricercatrice presso l’Università degli studi di Napoli L’Orientale;

Andrea Maria Romano, direttore della scuola orafa Tarì;

Mary Osei, presidente dell’associazione Mondo senza Confini;

Maria Cristina Fraddosio, giornalista de La Repubblica.

Dopo il dibattito, seguirà alle ore 18.30, la mostra fotografica del fotografo Andrea Mazzella: nei suoi scatti l’Africa è donna e le donne sono l’Africa. Egli vuole rendere visibile l’amore, la vita e il sacrificio delle donne d’Africa. Le foto raccolgono momenti di lavoro, di unione, di gioco e di passione; rappresentano donne che hanno davanti difficoltà quotidiane che vanno affrontare di petto, le stesse che hanno alle spalle la generazione del futuro che le segue. Il fotografo Mazzella, è stato da sempre appassionato di viaggi: è riuscito a donarci scatti particolari e non comuni, in quanto ha soggiornato nelle parti più remote e lontane del pianeta. Il motivo dei suoi scatti sulle donne d’Africa è volto a raccogliere e custodire la preziosa testimonianza di popoli e tribù le cui tradizioni stanno scomparendo a causa degli inevitabili processi di civilizzazione.

Le donne d’Africa negli stereotipi del femminismo occidentale, sono considerate come sottomesse che non hanno la possibilità di costruire qualcosa e decidere della propria vita. Così, durante il convegno, Sara Borrillo, racconterà la sua personale esperienza con sette donne marocchine, sottolineando la forza di queste che ogni giorno sfidano i pregiudizi e le discriminazioni a cui sono sottoposte.

Alessandra Laricchia
Alessandra Laricchia

L’evento donne d’Africa è promosso dal Cafè Africa, un’associazione che si occupa di diffondere la conoscenza del continente africano, affinché si eliminino i pregiudizi che lo coinvolgono. La presidentessa dell’associazione, la napoletana Alessandra Laricchia, ha da sempre dimostrato il suo interesse vivissimo per l’Africa e per i temi dello sviluppo sociale ed economico. Ha visitato tantissimi paesi africani, ma la sua prima volta in Namibia l’ha segnata profondamente, tant’è che ha deciso di diventare una guida professionale e un consulente di viaggio per l’Africa.

L’evento rientra nella rassegna “Marzo Donna 2016. Je sto vicino a te”, promossa dall’Assessorato delle Pari Opportunità del comune di Napoli, che intende mettere sullo stesso piano i diversi universi femminili separati da distanze fisiche e barriere culturali.

Le foto resteranno esposte al PAN fino al 20 marzo, narrando così per pochi giorni,la forza delle donne d’Africa.

Arianna Spezzaferro

Per ulteriori informazioni

CONDIVIDI
Articolo precedenteEconomia del Pallone d’Oro
Articolo successivoIl MANN presenta ” Mito e Natura. Dalla Grecia a Pompei”
Arianna Spezzaferro, nata a Napoli il 12/04/1993, è laureata in Lettere Moderne presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II, e presso la medesima studia Filologia Moderna. Amante della cultura umanistica, aspira a diventare un'insegnate di Letteratura italiana, perché crede fermamente di poter trasmettere, in futuro, ai suoi alunni l'interesse vivo per tale disciplina. Attualmente scrive per Libero Pensiero News come coordinatrice della sezione Cultura.

NESSUN COMMENTO