Le Quattro Giornate dei Dialoghi sulle Mafie

0
315
dialoghi

Napoli – Oggi alle ore 16,30 presso il Complesso di San Domenico Maggiore l’inaugurazione della Quattro Giornate dei Dialoghi sulle Mafie. Un’ iniziativa ideata e organizzata dal Centro di Ricerca RES Incorrupta dell’Università Suor Orsola Benincasa e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli. 

Dialoghi sulle Mafie nasce già l’anno scorso, nel 2015, grazie all’intervento dell’Assessore alla Cultura del Comune di Napoli, Nino Daniele, al rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa, Lucio d’Alessandro, e al docente di Storia delle Mafie al Suor Orsola e coordinatore scientifico dell’iniziativa, Isaia Sales.

La parola “Dialoghi” non è scelta a caso, come spiegano Daniele e Sales, lo scopo è appunto quello di dialogare, tenere acceso il dibattito e la discussione su alcuni temi legati alle mafie particolarmente delicati.  Il convegno sarà organizzato in quattro giornate di discussione. Quattro giornate in cui si racconteranno attraverso tutte le forme di arte, dalla fotografia, alla musica, alla letteratura, passando per il cinema, le mafie. Parlare, leggere, raccontare, guardare per impadronirci della consapevolezza della forte presenza delle mafie nel Mezzogiorno, per poter poi sviluppare i giusti anticorpi contro queste.

“Con i Dialoghi sulle Mafie – anticipa l’Assessore Daniele – Napoli intende far avanzare la lotta ai fenomeni mafiosi accrescendone la consapevolezza, mettendo a confronto esperienze, studi e ricerche accademiche con protagonisti ed esperti internazionali che si confrontano con le mafie globalizzate”.

La camorra napoletana, la mafia al femminile, la mafia messicana, la questione della patria potestà per i genitori mafiosi e il proibizionismo delle droghe (indagato al di fuori di qualsiasi schema morale o religioso, ma dal punto di vista dello studio sulle mafie) saranno i temi su cui verteranno i dialoghi di questi quattro giorni. Inoltre, le Quattro Giornate dei Dialoghi sulle Mafie si rivelerà un’importante esperienza di confronto a livello globale. I più importanti studiosi della fenomenologia mafiosa saranno presenti: dal nostrano Isaia Sales, appunto, alla giornalista messicana Daniela Rea Gomez, fino ad arrivare a Louise Shelley, direttore del Terrorism, Transnational Crime and Corruption Center della George Mason University in Virginia, e tanti altri ancora.

Lo scopo dell’iniziativa è mantenere desta l’attenzione sull’argomento mafie, raccontare il tessuto mafioso a 360 gradi e non sprofondare nel silenzio proprio adesso che si ha una nuova possibilità per sconfiggerle. “Dopo l’assassinio di Falcone e Borsellino si pensava di essere stati sconfitti definitivamente dalle mafie” spiega Isaia Sales, “Ma oggi l’antimafia ha fatto incredibili passi in avanti. Oggi abbiamo una possibilità da sfruttare”. 

Le Quattro Giornate dei Dialoghi sulle Mafie sono indirizzate soprattutto ai giovani. Si crede fermamente, infatti, nella nascita di un nuovo movimento antimafia, un’antimafia dei giovani. “Bisogna sfruttare le grandi capacità, energie, competenze delle nuove generazioni e impiegarle nella lotta contro le mafie”, insiste sul tema della nuova era dell’antimafia l’Assessore Nino Daniele, “Ciò che serve in questo momento è un’antimafia che punta sulla cultura e sull’istruzione, un’antimafia della riflessione sulla mafia”. Non a caso ogni giornata di dialogo si concluderà con la lettura di un libro; lo scopo è quello di invogliare i giovani presenti a leggere, suggerendogli titoli e autori da indagare.

Proprio ai giovani inoltre si è deciso di lasciare lo spazio di un blog per scrivere delle mafie e raccontare del tessuto sociale mafioso: https://faiblogantiracket.wordpress.com

Napoli diventa la capitale degli studi delle mafie. Il merito è, insieme all’iniziativa Dialoghi sulle Mafie che è ormai alla sua seconda edizione, dell’inserimento di un corso di studi sulle mafie, tenuto dal docente Isaia Sales, nel programma dell’Università Suor Orsola Benincasa. ll filo conduttore di questa novità è sempre il bisogno di istruire i giovani.

Ancora, non casualmente il giorno di chiusura dell’iniziativa è sabato 19 Marzo, per celebrare il ricordo di uno dei più grandi uomini che ha dedicato la sua vita alla lotta contro la mafia, Don Peppe Diana.

“C’è chi sostiene che la Mafia ha vinto, ma anche ci sostiene che lo Stato non ha vinto. In questo limbo non si può stare a lungo. E allora anche e proprio da Napoli vogliamo contribuire ad una nuova fase che segni la definitiva espulsione delle Mafie dalla storia nazionale”, conclude l’Assessore Nino Daniele.

Il programma completo delle Quattro Giornate dei Dialoghi sulle Mafie su : www.unisob.na.it/eventi

Lucia Ciruzzi 

CONDIVIDI
Articolo precedenteAttentato ad Ankara: curdi nuovamente sotto accusa
Articolo successivoTerra dei Fuochi: previsti test su 5000 cittadini campani
Lucia Ciruzzi, classe '94. Convinzione cardine della mia vita è che alla base di ogni cosa debba esserci la curiosità, motore di tutto che spinge l'individuo in territori inesplorati e in cui mai si sarebbe immaginato di entrare. Proprio addentrandomi in questi territori nuovi ho scoperto la passione per la giocoleria e il mondo degli artisti di strada; da qui è nato l'hobby delle bolas, con cui ogni giorno mi esercito nel disperato tentativo di imparare qualcosa. La mia ambizione più grande è quella di diventare una giornalista; in particolar modo sogno di girare il mondo, zaino in spalla e all'avventura, e di scrivere di luoghi, culture e popoli. Da questo desiderio, naturalmente, la mia collaborazione al periodico Libero Pensiero, per il quale scrivo nelle sezioni "Napoli e aree locali" e "Cultura".

NESSUN COMMENTO