Fiabe di Primavera all’Orto Botanico

0
240
Fiabe di primavera all'Orto botanico

Anche quest’anno, nella fantastica e affascinante cornice dell’Orto Botanico di Napoli, riprende l’edizione “Fiabe di Primavera”: per tutta la primavera, una compagnia di attori metterà in scena alcune delle più belle e affascinanti fiabe di tutti i tempi.

Le fiabe, sin dalla loro origine, hanno attirato non solo i più piccoli, ma anche i più grandi: infatti è sbagliato considerare la fiaba come una narrazione esclusivamente volta ai bambini, ma è un piacevole intrattenimento per chiunque ed è gradita ad ogni tipo di pubblico, senza differenze di età, sesso e cultura.

L’evento, giunto quest’anno alla sua 20° edizione, è promosso dall’associazione “I Teatrini” e dall’Università degli studi di Napoli Federico II, con la collaborazione del Mibact, della Regione Campania e del Comune di Napoli. Queste fiabe vogliono essere il rinnovo dell’intesa che si crea tra il magico e la poesia, tra il teatro e la natura.

La caratteristica dell’evento delle fiabe, è senza ombra di dubbio, la location: l’Orto Botanico riuscirà a far compenetrare ogni singolo spettatore nella narrazione. I personaggi, i luoghi, le situazioni, diventano reali al massimo, fino a soddisfare il bisogno di immaginazione di avventura, trasmettendo al pubblico di tutte le età i valori importanti su cui fondare una società civile che rispetti prima di tutto l’ambiente.

Orto Botanico
Orto Botanico

Gli organizzatori delle “Fiabe di Primavera” hanno prima di tutto la volontà del rispetto della natura: l’ambientazione sarà arricchita con strutture non invasive e poco tecnologiche. Essi lavorano in collaborazione con gli esperti dell’Università e insieme vogliono valorizzare la magica cornice dell‘Orto Botanico: gli ulivi, le piante e i fiori saranno i veri protagonisti delle fiabe e la loro bellezza potrà in questo modo, essere ammirata da tutti gli spettatori.

L’autrice e regista, Giovanna Facciolo, si è espressa su quanto concerne l’evento:“Sono trascorsi 20 anni  dall’ inizio di questa attività attraverso cui abbiamo costruito per l’Orto Botanico, con gli esperti ed i tecnici dell’Università degli Studi Federico II di Napoli, un momento riconoscibile e costante di offerta culturale per l’infanzia e le famiglie e un riferimento stabile occupazionale per decine di attori, tecnici ed operatori teatrali che professionalmente hanno deciso di rivolgere la propria arte, sapienza ed attenzione a questo settore.”

Le “Fiabe di Primavera” hanno debuttato con “Il popolo del bosco”: i piccoli abitanti del bosco hanno dovuto affrontare una serie di lunghe peripezie per proteggere il loro luogo incantato.

Orto botanico-fiabe di primavera 2016
Orto botanico-fiabe di primavera 2016

Da mercoledì 30 marzo fino a venerdì 29 aprile, verrà rappresentata la fiaba “Come Alice”, tratta da uno dei racconti più popolari e famosi di Lewis Carroll, “Alice nel paese delle meraviglie”. I curiosi personaggi cercheranno di ritrovare Alice che è misteriosamente scomparsa nel bosco.

Infine, nei week-end del mese di maggio, verranno rappresentati “Artù e Merlino”, in cui i protagonisti ci faranno esplorare i segreti del mondo naturale, e ci sarà la messa di scena de “Le Favole della Saggezza”: di queste ultime verranno rappresentate “ La volpe e l’uva”, “La volpe e la Cicogna”, “Il Lupo e l’Agnello”, “La volpe e il Corvo”, “La Cicala e la Formica”, “La Lepre e la Tartaruga”.

Gli spettacoli, tutti programmati per le ore 11.00, necessitano di prenotazione: il costo del biglietto è di 7 euro.

Contatti e informazioni:  I TEATRINI tel. 081 0330619 – fax 081 5543760 (ore 9,30 – 14) .

Arianna Spezzaferro

CONDIVIDI
Articolo precedenteFantabreak: milionari veri, campioni bluff!
Articolo successivoCriminalità: giornata contro tutte le mafie in tutta Italia
Arianna Spezzaferro, nata a Napoli il 12/04/1993, è laureata in Lettere Moderne presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II, e presso la medesima studia Filologia Moderna. Amante della cultura umanistica, aspira a diventare un'insegnate di Letteratura italiana, perché crede fermamente di poter trasmettere, in futuro, ai suoi alunni l'interesse vivo per tale disciplina. Attualmente scrive per Libero Pensiero News come coordinatrice della sezione Cultura.

NESSUN COMMENTO