Lega Pro: 1-1 della Casertana a Martina Franca

I falchetti, in vantaggio con Marano, subiscono il beffardo pareggio al 90’ rimanendo addirittura in 8 uomini. Romaniello: “Espulsioni eccessive. L’inferiorità numerica ha reso tutto più difficile”.

0
155
Casertana
Casertana

È 1-1 al “Tursi” di Martina Franca nel testa-coda tra i padroni di casa e la Casertana. Alla vigilia la gara si preannunciava difficile per i casertani non soltanto perché i pugliesi- a dispetto della terzultima posizione in classifica-  venivano da una serie di 3 risultati utili consecutivi ma anche perché i rossoblù erano reduci dalla batosta nel derby contro il Benevento. Ciononostante, ancora una volta, la Casertana può recriminare per il risultato finale. Il goal subito praticamente a tempo scaduto e le 3 espulsioni rimediate hanno tolto ai falchetti una vittoria meritata. Con questo pareggio la Casertana si mantiene in quarta posizione (l’ultima disponibile per il treno dei play-off) pur venendo raggiunta a quota 47 punti dal Foggia, vittorioso per 4-2 contro l’Ischia.

LA CRONACA DELLA GARA– Mister Romaniello cambia tanto rispetto alla débâcle di domenica scorsa nel derby e rivoluziona la squadra, pur rimanendo inalterato il suo 3-5-2. In difesa tocca a Rainone sostituire l’infortunato Murolo. A centrocampo sono ben 3 le novità con Marano, Capodaglio e Tito dentro dal 1’ al posto di Mancosu, Matute e Som. Cambio anche in avanti dove è Negro ad affiancare De Angelis. Il Martina di mister Franceschini risponde con un classico 4-3-3 con gli ex Rajcic e Baclet in campo.

La Casertana parte forte e già al 7’ impegna l’estremo difensore pugliese Viotti, abile a respingere un tiro ravvicinato dell’ex Mangiacasale, ben servito da Agyei. Al 19esimo è ancora il portiere dei biancazzurri a rispondere presente sul destro di Marano. Qualche minuto più tardi è invece Gragnaniello a farsi trovare pronto, prima sulla conclusione ravvicinata di Antonazzo e poi su un bel diagonale di Schetter. La Casertana tiene bene il campo e al 38’ crea una nitida occasione per sbloccare il punteggio: il destro al volo di De Angelis , sfiorato da uno strepitoso Viotti con la mano di richiamo, centra in pieno la traversa. E’ il preludio al vantaggio rossoblù, che arriva nel primo dei tre minuti di recupero: sul cross di Mangiacasale allontanato dalla difesa avversaria si avventa Marano che con un fortunoso rimpallo riesce a spedire la palla in rete. La Casertana va negli spogliatoi con un meritato e prezioso vantaggio.

Nella ripresa le occasioni da goal latinano: al 50’ è Schetter a provarci di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Girandola di cambi da una parte e dall’altra: nel Martina dentro Taurino e Cristofari per Berardino ed Antonazzo. Nella Casertana invece Jefferson prende il posto di Negro. Al 72’ la Casertana rimane in 10 a causa del secondo giallo mostrato a  Bonifazi a seguito di una trattenuta ai danni di Schetter. Il 4-4-1 disegnato da Romaniello tiene bene e respinge ogni attacco del Martina. Dieci minuti più tardi però gli ospiti rimangono addirittura in 9: rosso diretto ad un nervoso Jefferson, reo di un fallo commesso a palla lontana su Marchetti.  Nonostante la doppia superiorità numerica il Martina non riesce ad affondare e a rendersi pericoloso. Al 90esimo però arriva la doccia fredda per la Casertana: Schetter libera bene l’ex Baclet che a tu per tu con Gragnaniello non può sbagliare, superando l’estremo difensore con un pregevole tocco sotto. Negli ultimissimi minuti di gioco il signor Morreale di Roma ha il tempo anche di mostrare il terzo cartellino rosso del match alla Casertana: Tito, già ammonito, ferma irregolarmente Schetter e guadagna la doccia anticipata.

 La Casertana c’è ed è questo il segnale più importante che è arrivato dalla gara del “Tursi”. Non era facile affrontare una difficile trasferta sul campo del Martina appena sei giorni dopo la batosta del “Vigorito”. I rossoblù hanno dimostrato di saper reagire e di credere ancora nel sogno promozione. Le 3 espulsioni ed il goal subito all’ultimo minuto hanno però impedito, per l’ennesima volta in stagione, di ottenere l’intera posta in palio ma la Casertana è viva e lo ha dimostrato. Al termine della gara ai microfoni mister Romaniello ha così commentato il match: “Nel primo tempo ho visto la reazione dei ragazzi. Abbiamo giocato e creato non solo l’occasione che ci ha portato al gol. Nella ripresa abbiamo arretrato troppo il baricentro, ma abbiamo rischiato poco. Poi ci si sono messi quei rossi che mi sono sembrati eccessivi. In dieci abbiamo tenuto botta, ma in nove non è facile. Non meritavamo tale trattamento. Anche i calciatori del Martina sono stati protagonisti di episodi al limite, ma i provvedimenti sono stati ben altri. Ora dobbiamo restare compatti e pensare a difendere innanzitutto i play-off. Capisco l’amarezza ma bisogna rispondere sul campo”. E la Casertana potrà rispondere già giovedì prossimo quando per il turno infrasettimanale al “Pinto” arriverà l’Akragas.

 MARTINA FRANCA-CASERTANA 1-1
MARTINA FRANCA: Viotti, D’Alterio, Curcio, Dianda, D’Orsi, Marchetti (38’ st Kuseta), Antonazzo (22’ st Cristofari), Rajcic, Baclet, Schetter, Berardino (11’ st Taurino). A disp. Gabrieli, Allegra, Basso, Migliaccio, Danese, Di Lauri, Topo, Simone. All. Franceschini
CASERTANA: Gragnaniello, Rainone, Tito, Capodaglio, Idda, Bonifazi, Mangiacasale, Marano, Negro (18’ st Jefferson), Agyei, De Angelis (49’ st Pezzella). A disp. Maiellaro, Guglielmo, Potenza, Finizio, De Marco, Som, Matute, Giannone, Alfageme. All. Romaniello
ARBITRO: Morreale di Roma 1
RETI: 46’ pt Marano (C), 45’ st Baclet (M)
AMMONITI: Antonazzo (M), D’Orsi (M), Negro (C), Rajcic (M), Taurino (M).
ESPULSI: Bonifazi (C) per doppia ammonizione al 27’ st, Jefferson (C) al 37 st, Tito (C) al 48 st per doppia ammonizione.

CLASSIFICA: Benebento53, Lecce49*, Cosenza48, Casertana47, Foggia47, Matera42, Messina40, Akragas37, Fidelis Andria35, Paganese34, Juve Stabia32, Monopoli29, Catanzaro27*, Catania26, Melfi24, Martina Franca21, Ischia21, Castelli Romani8.

Ugo D’Andrea

CONDIVIDI
Articolo precedenteLibera ”inonda” Napoli. In quarantamila in piazza contro le mafie
Articolo successivoMotoGp: Lorenzo vince, Rossi convince
Ugo D'Andrea nasce a Piedimonte Matese (CE) l'11/10/1992. Sin da piccolo è appassionato di sport. Amante dei viaggi e del buon cibo. Studia Lingue e Letterature straniere presso l'Università "L'Orientale" di Napoli. Redattore e collaboratore presso il portale web "Calcio Estero News (CEN)".

NESSUN COMMENTO