Bruxelles sotto attacco: cosa sta accadendo in queste ore

0
453
bruxelles

Sono momenti di terrore quelli che si stanno susseguendo nel cuore dell’Europa: Bruxelles è sotto attacco.

Alle  8:00 di stamane ci sono state due prime esplosioni all’aeroporto internazionale Zaventem di Bruxelles, precisamente nella hall. Da un bilancio si presume che ci siano 11 morti e 25 feriti. Intanto, la polizia belga ha interrotto immediatamente gli scali nella capitale. La doppia esplosione è stata causata da due kamikaze.

Un’altra esplosione si è verificata poco dopo alla fermata della metropolitana di Maelbeek, nei pressi delle sedi delle istituzioni europee. Alcune fonti avvisano di un altro attentato alla fermata di Schuman, ma non ci sono ancora conferme.

Il livello di allerta è stato elevato a 4, ovvero il massimo, in tutto il paese: l’esercito è in strada.

Al contempo, sempre tramite un tweet, l’Unità di Crisi della Farnesina ha avvertito i nostri connazionali di evitare qualsiasi tipo di spostamento.

Gli attacchi alla capitale sono avvenuti tre giorni dopo l’arresto di Salah Abdeslam, membro del commando dell’Isis che ha causato 130 morti attraverso l’attentato dello scorso 13 novembre a Parigi.

Cosa sta accadendo in queste ore

Ore 14:32 – La Farnesina dichiara che ci sono feriti italiani.

Ore 14:28 – Il numero delle vittime in metropolitana continua ad aumentare: 20 morti e 106 feriti.

Ore 14:08 – Evacuata centrale nucleare a Liegi.

Ore 13:36 – Evacuata la Tour du Midi: trovati due pacchi sospetti.

Ore 13:24 – Il bilancio sale a 34 morti.

Ore 13:00 – Si cercano i 5 sospetti individuati nelle immagini di videosorveglianza.

Ore 12:25 – Il bilancio provvisorio attualmente conta 26 morti e 130 feriti. Nell’attentato all’aeroporto si contano 11 morti e 81 feriti e in quello della metropolitana sono 15 i morti e 55 i feriti.

Ore 12:17 – Alcuni sostenitori dell’ISIS festeggiano sui social: “Le esplosioni di Bruxelles sono solo una piccola parte del conto che pagheranno gli adoratori della croce. Stiamo arrivando”.

Ore 11:56 – La Germania aumenta i controlli in frontiera, negli aeroporti e nelle ferrovie.

Ore 11:48 – Analisi dell’Intelligence avevano portato al sospetto di nuovi attacchi in Europa dopo quello del 13 di novembre a Parigi.

Ore 11:47 – La Francia smentisce la chiusura delle frontiere: “Un aumento dei controlli è già stato messo in atto. Più di 5mila uomini sono stati dispiegati alle frontiere. Ma non c’è una chiusura”.

Ore 11:44 – Gli ospedali della città hanno lanciato un appello per urgenti donazioni di sangue.

Ore 11:37 – Primo bilancio delle vittime nella stazione di Maelbeek: si contano 45 feriti lievi, 10 feriti gravi e 15 morti.

Ore 11:33 – A Rue de la Loi è stata avvertita una nuova esplosione, vicino alla fermata della metropolitana di Maelbeek. Si presume sia opera degli artificieri intenti nella ricerca di pacchi sospetti nella zona della stazione.

Ore 11:28 – Tutti gli studenti resteranno chiusi negli edifici scolastici fino a nuovo ordine.

Ore 11:27 – Innalzato livello di sicurezza a Roma.

Ore 11:21 – Militari ed artificieri si sono recati nella zona di Schumann col sospetto che ci siano bombe inesplose.

Ore 11:08 – Il Presidente Sergio Mattarella dichiara: “Gli ultimi, gravissimi attentati di Bruxelles confermano tragicamente che l’obiettivo del terrorismo fondamentalista è la cultura di libertà e democrazia. Esprimo il mio cordoglio per le vittime e la più decisa condanna per gli esecrabili atti di violenza”.

Ore 11:03 – Chiusa la frontiera con la Francia.

Ore 10:59 – Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni dichiara: “Per ora non risultano notizie sul coinvolgimento di cittadini italiani. Ho appena parlato con il ministro degli Esteri (belga). La situazione è molto tesa. Ci vorrano alcune ore perché si chiarisca”.

Ore 10:53 – Il bilancio dei morti è salito: si contano 21 vittime.

Ilaria Cozzolino

CONDIVIDI
Articolo precedenteNo Triv, la lotta per il SI
Articolo successivoNepal, quando l’aiuto umanitario è un’arma geopolitica
Ilaria Cozzolino nasce a Napoli il 24 novembre 1993. Dopo aver conseguito il diploma al Liceo Linguistico, continua il suo percorso di studi all'Accademia di Belle Arti di Napoli al corso di Fotografia-Cinema-Televisione. Dall'età di 21 anni espone come artista presso la galleria di arte contemporanea "A01" di Napoli e, in seguito, presso la Serrao Gallery di Parigi. Da marzo 2015 collabora come coordinatrice e redattrice per Libero Pensiero News.

NESSUN COMMENTO