Lega Pro: poker della Casertana

I rossoblù travolgono 4-0 l’Akragas. In goal Giannone, De Angelis e Alfageme, autore di una doppietta.

0
189
Casertana
Il 2-0 di De Angelis

Nel 28esimo turno di Lega Pro, girone C i falchetti affrontavano al “Pinto” un Akragas reduce da due vittorie consecutive contro Lupa Castelli e Catania. Prima volta senza il tecnico Romaniello, esonerato lunedì scorso a sette giornate dalla conclusione del campionato, in seguito agli ultimi- non brillanti- risultati conseguiti. A sedere sulla panchina dei rossoblù è stato Andrea Tedesco. Tedesco fa parte dello staff casertano già da diverso tempo. Lo scorso anno fece da secondo ad Angelo Gregucci, sostituendolo anche in due partite a causa della squalifica del tecnico pugliese. Quest’anno ha invece affiancato Salvatore Campilongo e lo stesso Nicola Romaniello. La Casertana doveva fare inoltre i conti con la decisione del Prefetto di Caserta che “in seguito alle criticità poste in essere dalla tifoseria della Casertana in occasione della gara Benevento-Casertana e delle azioni intimidatorie, attuate dopo la gara, nei confronti dei calciatori della Casertana”  aveva disposto l’accesso al “Pinto” per la gara contro i siciliani soltanto ai possessori di abbonamento. A completare il tutto le defezioni arbitrali arrivate in seguito alle 3 espulsioni rimediate nella scorsa gara del “Tursi” di Martina Franca ai danni di Jefferson (squalificato per 2 giornate), Bonifazi e Tito (squalificati per 1 giornata). Un avvio dunque in salita per il mister Tedesco che ha però saputo infondere il giusto spirito e la giusta cattiveria nei suoi ragazzi, autori di una grande partita e di una vittoria convincente che potrebbe rivelarsi decisiva per il morale della squadra in vista di questa volata finale di stagione.

LA CRONACA DELLA PARTITA- C’era grande attesa per capire come questa “nuova” Casertana si sarebbe disposta in campo. Tedesco ha apportato una modifica al tradizionale 3-5-2, marchio di fabbrica del tecnico Romaniello, passando ad un 3-4-3 marcatamente più offensivo: Romaniello tra i pali; difesa composta da Idda, Potenza e Rainone; a centrocampo Pezzella e Mangiacasale sugli esterni con Agyei e Capodaglio in mezzo al campo; tridente offensivo composto da Giannone, Alfageme e De Angelis. I siciliani si sono invece disposti con un altrettanto offensivo 4-3-3.

La Casertana crea il primo pericolo alla retroguardia siciliana al 7’ quando Alfageme, servito da un bel cross di Giannone, conclude debolmente di testa tra le braccia del portiere.  Al 13esimo la Casertana passa in vantaggio: l’ex Bologna Giannone è abile a rientrare sul sinistro e a lasciar partire un gran tiro che si infila nell’angolino basso opposto. L’Akragas reagisce e con Di Piazza crea due pericolose occasioni ben neutralizzate da Gragnaniello. La Casertana spinge molto sul settore destro, dove uno scatenato Mangiacasale tiene costantemente in apprensione la difesa avversaria; al 20esimo proprio da un cross del numero 7 rossoblù Potenza impatta di testa da pochi passi il pallone che però incoccia sulla traversa. Al 23esimo Giannone sfiora la doppietta con una bella punizione che viene deviata dalla barriera e termina fuori di un soffio. La Casertana fa le prove generali del raddoppio che arriva meritatamente al 28esimo: calcio d’angolo di Giannone che trova ben appostato De Angelis sul secondo palo: per l’attaccante nativo di Castellammare è un gioco da ragazzi spingere in rete il pallone che vale il 2-0 ed il suo dodicesimo centro stagionale. I padroni di casa continuano a giocare con grande intensità e al 38’ guadagnano un calcio di rigore con Alfageme: dagli 11 metri è lo stesso argentino  a spiazzare con freddezza Maurantonio e a siglare la rete del 3-0. Il primo tempo si conclude dunque con il netto e meritato vantaggio casertano.

Nella seconda frazione di gioco il copione non cambia e al 47’ Alfageme sfiora il goal con una bordata di destro. Al 53esimo la Casertana cala il poker  ancora con il numero 9, letteralmente scatenato oggi: respinta corta della difesa biancoazzurra  sulla quale si avventa Alfageme che supera un avversario e batte con un preciso rasoterra il portiere dell’Akragas.  Mister Tedesco ridisegna la squadra inserendo Marano e Finizio per Agyei e Potenza.  I siciliani si affacciano dalle parti di Gragnaniello al 55esimo: il numero 1 casertano è abile prima in uscita su Di Piazza e successivamente su una conclusione volante di Greco. La Casertana, forte del grande vantaggio, si limita a gestire il risultato non rinunciando però a dei veloci e pericolosissimi contropiedi alla ricerca della “manita”: al 60esimo, proprio da una di queste ripartenze, Alfageme mette in mezzo per De Angelis che da due passi colpisce la traversa. La partita, ormai in ghiaccio, vede nei minuti finali l’Akragas costruire qualche pericolosa occasione  alla ricerca quantomeno del goal della bandiera che però non arriva.

Importante e convincente vittoria dunque per la Casertana. Gli uomini di mister Tedesco hanno sfoderato una grande prestazione, dimostrando lucidità e freschezza dal punto di vista fisico e mentale. Tre punti fondamentali non soltanto per rispondere alle critiche rivolte alla squadra nell’ultimo periodo ma anche per ricaricare le pile in vista di questa intensa e decisiva parte finale di stagione in cui il sogno promozione rimane vivo: i falchetti sono attualmente in quarta posizione (l’ultima che permette l’accesso ai play-off) a quota 50 punti. A fine partita in sala stampa è intervenuto ai microfoni uno dei grandi protagonisti del match, l’attaccante Giannone: “Questa è la posizione che preferisco e in cui mi esalta. Abbiamo disputato una buona gara. Dobbiamo continuare a lavorare per lasciarsi alle spalle quelle partite che hanno rallentato la nostra corsa. Abbiamo il dovere di provare ad arrivare quanto più in alto possibile. Quando sono arrivato a Caserta sapevo di trovare un gruppo consolidato e altamente competitivo. Ci sto stare di trovare poco spazio all’inizio. Ma ora voglio guardare avanti. Sono contento di aver trovato la mia prima rete. Ma questo deve essere solo l’inizio”.

Mister Tedesco ha invece così commentato la prova dei suoi: “Questo risultato è frutto di quanto fatto ad oggi con Nicola Romaniello. Un pensiero va a lui, amico prima ancora che allenatore con cui ho avuto il piacere di lavorare. Devo ringraziare tutti i componenti di questa società. Dal primo all’ultimo. Soltanto insieme si riescono a centrare risultati. Abbiamo fatto una buona partita e i ragazzi meritavamo di tornare al successo. Il modulo? Non amo parlare di numeri. E non è il solito discorso banale. Sono gli uomini che fanno l’impostazione tattica della squadra e abbiamo molti calciatori che possono ricoprire diversi ruoli. Il mio futuro? Io sono qui. A disposizione della Casertana. Sono pronto per qualsiasi soluzione la società decida di adottare. A me non resta che ringraziare, comunque, per l’opportunità che mi è stata data. Di questa giornata dispiace soltanto aver sentito fischi e qualche parola pesante nei confronti della squadra. Il pessimismo non aiuta di certo. La nostra gente è la nostra forza. Il loro sostegno è fondamentale per la Casertana”.

CASERTANA-AKRAGAS 4-0

CASERTANA (3-4-3): Gragnaniello; Idda (1’ st Murolo), Potenza (15’ st Finizio), Rainone; Mangiacasale, Agyei (6’ st Marano), Capodaglio, Pezzella; Giannone, De Angelis, Alfageme. A disp.: Maiellaro, Varsi, De Marco, Som, Matute, Negro, Guglielmo, De Filippo, Cesarano. All.: Tedesco

AKRAGAS (4-3-3): Maurantonio; Salandria Thiago Marino Grea; Mauri Greco Candiano (22’ st Roghi); Di Grazia 6 (9’ st Cristaldi 6) Di Piazza 6,5 (32’ st Fiore sv) Leonetti 5,5. A disp.: Vono, Madonia, Lo Monaco. All.: Rigoli

ARBITRO: Dionisi di L’Aquila

MARCATORI: 13’ pt Giannone, 27’ pt De Angelis, 39’ pt rigore e 8’ st Alfageme.

 

CLASSIFICA: Benevento56, Lecce52*, Foggia50, Casertana50, Cosenza48*, Matera45, Messina40, Fidelis Andria38, Paganese37, Akragas35, Juve Stabia32, Catanzaro30, Catania29, Monopoli29, Melfi24, Martina Franca21, Ischia21, Castelli Romani8.

 

Ugo D’Andrea

CONDIVIDI
Articolo precedenteBelgio, perché è la culla del jihadismo europeo?
Articolo successivoChiesa, lontana dalla vertenze popolari.
Ugo D'Andrea nasce a Piedimonte Matese (CE) l'11/10/1992. Sin da piccolo è appassionato di sport. Amante dei viaggi e del buon cibo. Studia Lingue e Letterature straniere presso l'Università "L'Orientale" di Napoli. Redattore e collaboratore presso il portale web "Calcio Estero News (CEN)".

NESSUN COMMENTO