L’argomento che ha animato la cronaca nocerina in questi ultimi giorni, e negli ultimi ultimi decenni, è il dibattuto tema dell’unificazione di Nocera Inferiore e Nocera Superiore. Anticamente denominata Nuceria Alfaterna, dall’indoeuropeo Nuvkrinum Alafaternum, sorge lungo la dorsale settentrionale dei Monti Lattari, composta da un unico agglomerato politico e amministrativo che nel corso dei secoli, per diverse vicissitudini, è stata ripartita in Nocera Superiore e Nocera Inferiore, reciprocamente denominate tali rispetto al livello del mare. Il tema di una possibile riunificazione  è sempre stato vivo senza mai riuscire a trovare una concretizzazione né di tipo amministrativo né politico ma negli ultimi mesi sembra esser diventato un argomento di forte influenza per i cittadini.

A tal proposito negli ultimi mesi sono nati numerosi comitati, composti da Associazioni o singoli cittadini per richiedere un Referendum sulla fusione delle due Nocera e di stimolare l’avvio all’iter legislativo per giungere al referendum in cui i cittadini possano decidere e scegliere sul futuro di una potenziale Nuceria. In netta opposizione è nato il “Comitato per il No all’unione delle due Nocera”. Tra polemiche e invettive, la popolazione sembra divisa in due in una diatriba in cui i sindaci e le giunte comunali non sembrano chiarire le idee ai cittadini. Un gran numero di dissidenti fa parte dei cittadini di Nocera Superiore, timorosi di diventare abitanti di una periferia territoriale e politica subordinata al centro, appoggiati dal Sindaco Giovanni Maria Cuofano.

La scelta del referendum, in tale situazione dovrebbe essere, e si spera, un mezzo attraverso il quale si possa conoscere realmente quali siano le opinioni dei cittadini, chiamati a decidere sul futuro della propria terra e delle generazioni future. A tal proposito è di fondamentale importanza conoscere in maniera trasparente tutti i vantaggi e gli svantaggi di una manovra politica ed amministrativa come l’unificazione di due città; ugualmente importante è promuovere un dibattito democratico fra i cittadini e i rappresentanti politici al fine di elaborare una scelta libera e autonoma da qualsiasi pressione esterna, soprattutto consapevole. 

Nicoletta Crescenzo

CONDIVIDI
Articolo precedenteA Napoli parte “Un museo tira l’altro”
Articolo successivoUn sms per casaOz
Diplomata al Liceo Classico G.B. Vico di Nocera Inferiore (SA) e studentessa presso l'Università degli Studi di Salerno alla facoltà di Lettere. Appassionata di letteratura, cinema e musica.