A Napoli parte “Un museo tira l’altro”

0
183
museo
Via dei Musei-Napoli

Un museo tira l’altro: è questo il progetto presentato il 4 aprile durante una conferenza presso il Pio Monte della Misericordia in Via Tribunali. Si tratta di un’iniziativa valida almeno fino al 21 giugno che prevede l’accordo tra sette musei diversi siti in via Duomo a Napoli, affinchè il visitatore che paga il biglietto per uno di questi possa visitare gli altri a tariffa ridotta.

I musei conivolti sono:

  • Museo Civico “Gaetano Filangieri”
  • Complesso Monumentale di San Severo al Pendino
  • Pio Monte della Misericordia
  • Monumento Nazionale dei Girolamini-Quadreria e chiostri
  • Museo del Tesoro di San Gennaro
  • Complesso Monumentale Donnaregina – Museo Diocesano
  • MADRE – Museo d’Arte Contemporanea Donnaregina

L’accordo è stato stipulato tra l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e i direttori di alcuni tra i più importanti musei di Via Duomo, che si trasforma così nella “via dei musei”, incentivando il turista (e non solo) a scoprire il patrimonio artistico custodito nei diversi punti del centro antico di Napoli, non accontentandosi di ammirarne una parte, ma stimolando la curiosità e la coscienza artistica di tutti i visitatori mediante un ottimo rapporto tra prezzo e qualità dell’esperienza.

Il progetto è stato presentato e approvato da figure di grande eminenza del panorama artistico e politico della nostra città, vale a dire Gianpaolo Leonetti direttore del Museo Civico «Gaetano Filangieri», Nino Daniele, assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli per il Complesso Monumentale di San Severo al Pendino, il barone Alessandro Pasca di Magliano, soprintendente del Pio Monte della Misericordia, Mariella Utili, direttore del Polo Museale della Campania per il Monumento Nazionale dei Girolamini, Paolo Jorio, direttore del Museo del Tesoro di San Gennaro, don Adolfo Russo, vicario episcopale per la Cultura e direttore del Complesso Monumentale Donnaregina-Museo Diocesano e Pierpaolo Forte, presidente della Fondazione Donnaregina per le Arti Contemporanee-Museo Madre.

Oltre alla nascita del biglietto aggregato, l’iniziativa prevede la nascita di percorsi didattici integrati fra i diversi musei, per consentirne una più profonda conoscenza. Il progetto dunque, si inserisce perfettamente all’interno di una politica volta alla tutela del patrimonio artistico napoletano, aprendo una nuova fase della valorizzazione dei beni culturali, supportata dal clima della stagione primaverile e dalla concordia e collaborazione tra alcuni dei grandi siti che raccolgono le fondamenta artistiche della nostra città.

Sonia Zeno

NESSUN COMMENTO