L’assemblea dei proprietari riunitasi oggi ha deliberato a favore dello sponsor sulle divise NBA. È una svolta epocale non solo per il basket americano ma per l’intero sistema sportivo a stelle e strisce, dal momento che si tratta di una prima volta assoluta negli sport major. Dal 2017-18, dunque, oltre al nuovo sponsor tecnico Nike comparirà un ulteriore novità sulle canotte dei giocatori; verrà posizionato in alto sulla sinistra e avrà una dimensione di 6.35 cm x 6.35.

BUSINESS – Le franchigie gestiranno singolarmente la vendita dello spazio pubblicitario sulla propria maglia, ma gli introiti entreranno a far parte del basketball related income e, quindi, verrà diviso anche con i giocatori. Ogni squadra conta di incassare tra i 4-6 milioni di dollari all’anno, per un totale di circa 120-180 milioni annuali totali.

SILVER – «Iniziamo col dire che questo accordo non andrà ad influenzare in nessun modo la competizione. Si tratta solamente di una patch sulla maglia. E una delle ragioni per cui facciamo questo è per creare un legame più profondo con quelle aziende che legano il loro nome alla NBA. Ed inoltre ci darà la possibilità di promuovere ulteriormente la Lega, che è probabilmente il motivo principale per cui lo facciamo».

PRO O CONTRO – Come al solito, quando ci sono delle rivoluzioni del genere nel campo dello sport, si inizia a discutere sul fatto che sia giusto o meno. La questione, però, non è tanto se sia giusto quanto se sia necessario. La NBA è una delle leghe migliori del mondo [quarta per fatturato annuo con 6 miliardi di dollari, ndr] e, da quanto questo argomento è stato introdotto nel 2009, sappiamo quanto abbiano voluto che questo momento arrivasse il più tardi possibile. La realtà è che creare un’azienda del genere ha dei costi notevoli, che crescono di anno in anno e, di conseguenza, sono necessari sempre nuovi introiti. Cambierà qualcosa a livello visivo? Certamente. È questo gran problema? Probabilmente no. Intanto, per quei tifosi nostalgici che vorranno le divise classiche, potranno scegliere di non aggiungere la patch al momento dell’acquisto.

Michele Di Mauro

CONDIVIDI
I'm Michele Di Mauro from Casoria, Napoli. From the inner city. I'm not even supposed to be here. That's enough. [...] I'm blessed.