Casoria, riqualificazione dell’ex Snaidero

0
514
Casoria
Casoria

Nell’area industriale di Casoria, precisamente nella frazione Arpino, si trova quella che tutti ormai chiamano “ex Snaidero”, una vecchia fabbrica di pavimenti che gode di un’estensione di oltre 6000 metri quadrati.  Nel 1986 il grande lotto di via Primo Maggio fu acquistato proprio dal Comune di Casoria, ma nonostante l’enorme cifra spesa, è rimasto abbandonato senza una riqualificazione ambientale ed urbanistica.

Il 26 Maggio scorso, a Casoria, la Giunta comunale è riuscita ad ottenere 1.5 milioni di euro provenienti da fondi Regionali, inserendo il progetto nel Programma Integrato Urbano «PIU Europa». Così l’ex industria sarà riqualificata per far posto a un “centro polifunzionale ricreativo”, un parco urbano aperto a tutti i cittadini e rivolto sia ad attività culturali sia per il tempo libero.

All’interno di questa vastissima area esistono quattro locali, anch’essi  in fase di ristrutturazione ( due da 35 mq, uno da 45 mq ed un altro da 110 mq) che attualmente non hanno alcuna funzione d’uso.

A tal proposito nasce il Comitato casoriano “Ridiamo vita alla Snaidero”.
Luigi Esposito, uno dei promotori del comitato civico, e altri delegati stanno promuovendo, in giro per la città, un sondaggio chiedendo ai residenti e ai commercianti le funzioni preferite per l’area.

<<Essendo questo semplicemente un polifunzionale sociale – dice Luigi Esposito – è giusto che i cittadini diano la loro preferenza per cercare di indirizzare la scelta d’uso per l’area>>.

Ad oggi sono circa 1000 i casoriani che si sono espressi e il numero crescerà fino allo spoglio che avverrà domani, 20 Aprile. Quella del laboratorio teatrale pare sia l’idea più gettonata tra i cittadini ma anche le altre ipotesi di funzioni stanno raggiungendo molteplici consensi.

Il 22 Aprile si terrà la presentazione finale del progetto presso la sala teatro della Scuola Nino Cortese di Casoria. L’incontro sarà moderato da Luigi Esposito e, oltre gli altri promotori del comitato, interverranno al convegno il dirigente scolastico Giuseppe Esposito, il dirigente ai lavori pubblici e responsabile del progetto Salvatore Napolitano, il dirigente comunale al patrimonio Enrico Colucci, e il Commissario prefettizio Silvana Riccio. Durante l’incontro saranno presentati tutti i risultati raccolti dal sondaggio cittadino per poi formulare precise richieste al Commissario Prefettizio.

 

Simona Pietropaolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteDavid di Donatello, nuovo cinema italiano
Articolo successivoFantabreak: i consigli per la 34° giornata
Simona Pietropaolo è nata a Napoli il 3 novembre del 1993 e vive a Marano di Napoli. Studia alla facoltà di Lettere moderne dell' Universita Federico II per poter intraprendere una carriera nell'ambito del giornalismo e delle comunicazioni. Le sue passioni sono la scrittura creativa e la lettura principalmente di opere letterarie classiche e contemporanee.

NESSUN COMMENTO