Shakespeare: omaggio nella metro di Londra

0
588
Shakespeare

Per gli amanti del teatro, della letteratura e della sublime arte dello scrivere questo è un anno molto particolare: ricorre infatti il quattro-centenario della morte del drammaturgo inglese William Shakespeare.

Come riportano svariati documenti – è arrivato il momento di screditare le supposizioni circa il fatto che Shakespeare non sia mai esistito e che non ci siano dati che lo accertino – e a seguito di studi attenti ed elaboratissime ricerche si attribuisce al 23 aprile 1616 la data di decesso del drammaturgo (interessante anche il fatto che la data del decesso di Shakespeare corrisponda con quella della sua nascita, appunto 23 aprile 1564).

Le occasioni dedicate allo scrittore sono già copiose durante gli altri anni, ma in questo anniversario speciale si stanno intensificando; ne è un piccolissimo esempio ciò che è successo e sta succedendo nella stagione teatrale 2015-2016 del Teatro San Carlo di Napoli, che metterà in scena delle opere di William Shakespeare rivisitate in chiave musicali e che ha organizzato degli incontri per approfondire e conoscere meglio il nativo di Stradford Apon Avon e cosa abbia voluto abilmente celare sotto i suoi componimenti.
Nonostante il fatto che il genio di Shakespeare sia riconosciuto globalmente, è in patria, e più precisamente nella sua Londra, che il mito di Shakespeare è particolarmente inneggiato e ricordato: in occasione dell’anniversario l’intera linea metropolitana della capitale del Regno unito rinominerà ogni singola fermata con i nomi dei personaggi più famosi delle opere del più grande drammaturgo inglese -e sì, a questo punto è proprio lecito attribuirgli questo titolo.

Shakespeare

L’iniziativa è stata lanciata dalla società dei trasporti di Londra in collaborazione con il teatro The Globe, teatro ufficiale di William Shakespeare che al tempo finanziò la realizzazione dell’edificio ed in cui egli stesso recitò e mise in scena per la prima volta le sue opere (ad oggi però, sfortunatamente, resta solo una fedelissima riproduzione).

Ogni linea della metropolitana è stata dedicata ad un tema della poetica shakespeariana e la temporanea piantina della Tube è già in vendita così, chi vorrà recarsi nel centro politico di Londra dovrà scendere alla fermata “King Lear”, uno dei più interessanti ed intricati re di cui Shakespeare abbia scritto, oppure se ci sarà bisogno di andare in aeroporto sarà necessario scendere ad “Hamlet”, eterno vagabondo nel suo grande mondo immaginario.

Daniela Diodato

NESSUN COMMENTO