Fantabreak: dannata dipendenza!

0
131
dipendenza

Salve, cari amici di Fantabreak! In questa puntata vi parliamo di…dipendenze, sia di quella che qualche allenatore ha per qualche giocatore, sia di quella all’alcol. Christian Brocchi, neo-allenatore del Milan che in questa stagione ha dimostrato una perenne dipendenza a Jack Bonaventura, poiché difatti la maggior parte dei punti è arrivata tramite sue giocate, ed anche un passaggio di turno in Coppa Italia arrivato tramite una sua magistrale realizzazione su calcio piazzato. Bonaventura è perciò divenuto primadonna del Milan, scalzando nomi più celebri, e di molte fantasquadre in cui è “tesserato”. La dipendenza al Jack calciatore è un’arma a doppio taglio, poiché quando è in giornata non ce n’è per nessuno, ma quando la palla non gira si entra nel vortice della sconfitta.

dipendenzaL’altra dipendenza è causata da un altro tipo di Jack, cioè il Jack Daniels, che può essere visto come rifugio da un certo rendimento che non va. Quest’idea d’ipotetico rifugio, potrebbe balenare nella testa di Brocchi, arrivato come salvatore della patria. Infatti, il mostruoso calo del Milan e di molte fantasquadre in cui Bonaventura è tesserato, si è avuto dopo il calo del calciatore e ciò ha causato molto sconforto nei fantallenatori che hanno puntato su di lui ed anche su Brocchi, speranzoso di trovare il Jack pigliatutto di inizio stagione. A dimostrazione di ciò, vi regaliamo l’ormai consueta vignetta di Savio, in cui il povero Sinisa ammette la sua dipendenza e Cristian con molta paura per il futuro! Servirà un Brocchi moderato nella consumazione di Jack, altrimenti inizieranno i problemi.

A dimostrazione di ciò la prestazione fornita nel posticipo della trentatreesima giornata contro la Sampdoria (dove ha fornito l’assist per il gol vittoria di Bacca) e fortunatamente per lui, non chiamato sempre in causa per creare il gioco rossonero. Il buon Christian sfata il suo cognome dimostrando che non è un brocco ed ha snellito, senza consumarlo ulteriormente, il povero Jack. Infatti nel posticipo infrasettimanale contro il Carpi spesso si decentra e si abbassa in mediana per cercare di ricevere palla, ma il Carpi fa gabbia in mezzo al campo. Cerca gloria nei calci piazzati come già fatto di solito in stagione, ma è troppo impreciso, infatti tutti i corner battuti erano tutti tra le braccia del portiere avversario. Prova a far scoccare la scintilla gioco, ma sembra essersi dimenticato la pietra focaia nel borsone, che prova a portargli Menez subentrando a Bacca. Ma tutto invano. Sembra che ormai il liquido del fantastico Jack sia finito causa Mihajlovìc, così come ci conferma l’ormai solita vignetta di Savio. Buon Fantabreak a tutti.

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteErcolano, nuovo sportello di consulenza legale
Articolo successivoL’Inter, la cimice e i cinesi
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

NESSUN COMMENTO