BookMob al Granatello di Portici

0
225
bookmob

Le soleggiate giornate primaverili e un buon libro sono il binomio perfetto per creare un’iniziativa culturale e divertente al tempo stesso. L’iniziativa in questione è quella lanciata dall’Associazione napoletana Librincircolo che ha riproposto anche quest’anno il “BookMob – Scambiamoci un libro”. Sabato 30 aprile alle 18.00, nel piccolo e suggestivo porto del Granatello di Portici tutti coloro che vorranno regalare un libro potranno farlo accompagnati dal magnifico panorama che la vista permette.

Un momento di condivisione culturale che è stata riproposto già in precedenza e che ha riscontrato sempre grande successo. I partecipanti dovranno scambiarsi dei libri incartati come regali secondo il tema scelto dagli organizzatori, che in questo caso non poteva essere che ­Il Mare. La confezione dovrà quindi ricordare i colori del mare ed ognuno potra dare libero sfogo alla propria fantasia decorando la confezione come preferisce. Il BookMob durerà all’incirca un paio di minuti come avvenuto anche nelle scorse edizioni in modo da dare maggior spazio allo scambio culturale e alla possibilità di conoscere nuove persone attraverso interessi comuni.

Lo scopo del BookMob, infatti, è quello di portare in strada i libri abbandonati sugli scaffali di casa e metterli in circolo. I partecipanti all’iniziativa dovranno mettersi in cerchio e al ‘via’ degli organizzatori dovranno passare il proprio libro al partecipante alla propria sinistra e così via fino alla fine del conto alla rovescia, che verrà fatto da tutti partendo da 20. Concluso il BookMob, chi vorrà donare più ‘pacchetti’ dovrà porli al centro del cerchio e, dopo un secondo mini conto alla rovescia, chi sarà stato più veloce a raggiungere il centro del cerchio si aggiudicherà i libri bonus.

Questi sono i partner del BookMob di Librincircolo:
Tanlento Letterario Service Editoriale
Centro Italiano di Napoli
Homo Scrivens Edizioni
Intra Moenia Caffè Letterario
Scrittura&Scrittura Edizioni
Ubik Napoli
Narrazioni Scuola di Scrittura
Centro Studi Giordano
Mondadori Pompei

Agnese Cavallo

CONDIVIDI
Articolo precedenteL’Inter, la cimice e i cinesi
Articolo successivoAfragola, la stazione TAV in dirittura d’arrivo
Agnese Cavallo, nasce a Napoli il 14 novembre 1985. Da sempre appassionata di classicità, da quando il padre le raccontava i miti greci e l’Odissea in lingua napoletana, decide che la letteratura e le materie umanistiche saranno il suo futuro. Si iscrive, così, al Liceo classico Quinto Orazio Flacco di Portici (Na) e continua l’esperienza umanistica alla Facoltà di Lettere Moderne della Federico II di Napoli. Consegue la Laurea triennale nel 2013 con 103/110, presentando una tesi sull’opera di Francesco Mastriani “i Vermi. Studi storici sulle classi pericolose in Napoli”, importante giornalista e scrittore di feullitton napoletano di fine ‘800. Il giornalismo, infatti, è da sempre una passione e, quasi, una vera missione. Convinta che i giornalisti siano spesso persone lontane dalla realtà, pronti, più che alla denuncia alla gogna mediatica, nei suoi articoli preferisce una sana soggettività volta all’etica e al sociale anziché un’oggettività moralistica e perbenista. Nel febbraio 2012 inizia la sua esperienza con il giornale “Libero Pensiero” prediligendo il sociale, la cronaca, la cultura e anche la politica. Il suo argomento preferito? Napoli, tra contraddizioni e bellezza.

NESSUN COMMENTO