Lega Pro: Casertana avanti tutta, play-off sempre più vicini

I falchetti regolano la Fidelis Andria grazie ad un goal di Nigro. Giornata rovinata dal bruttissimo infortunio occorso a Mangiacasale. La squadra: "Vittoria dedicata a Fabio".

0
214
Casertana
Il goal vittoria siglata da Negro.

Pomeriggio agrodolce per la Casertana che al “Pinto” batte per 1-0 la Fidelis Andria ma perde uno dei suoi uomini migliori: Fabio Mangiacasale rimedia la “lussazione dell’articolazione tibio-tarsica destra con frattura del perone” in seguito ad un intervento killer dell’esterno pugliese Cortellini. Per il centrocampista casertano, operato nella serata di ieri dal dott. Giovanni Zanforlino, si teme uno stop piuttosto lungo. Una grave tegola per mister Romaniello e per tutta la Casertana. Il presidente Corvino, intervenuto ai microfoni appena dopo il match, si è detto molto dispiaciuto: “Fabio è un grande calciatore e, soprattutto, un ragazzo d’oro. Gli siamo vicini in questo momento. Gli rinnoveremo subito il contratto, al di là dei tempi di recupero. Un atto dovuto nei confronti di un grande professionista che ha sempre dato tutto per questa maglia”.

Il campo ha dato ragione agli uomini di Romaniello, in una partita tutt’altro che agevole, contro una Fidelis Andria che non aveva necessità di fare punti in virtù di una posizione di classifica tranquilla ma che anche in inferiorità numerica ha dato filo da torcere ai rossoblù. La Casertana, sbloccata la partita dopo pochi minuti di gioco grazie a Negro, è stata poi abile a difendere il vantaggio fino al fischio finale. Vittoria fondamentale per i falchetti che a 180 minuti dalla fine della stagione regolare sono in piena corsa per un piazzamento ai play-off. Al momento la Casertana si trova in quarta posizione a quota 59 punti assieme al Foggia e ad una sola lunghezza dal Lecce secondo. Le prossime due gare (trasferta a Messina ed ultima giornata in casa contro la Paganese) saranno assolutamente decisive per stabilire chi accederà agli spareggi promozione.

LA CRONACA DELLA PARTITA- “Squadra che vince non si cambia” diceva il grande Vujadin Boškov: deve averla pensata allo stesso modo mister Romaniello che ha confermato gli stessi 11 della vittoriosa trasferta a Monopoli della scorsa settimana. Nella Fidelis Andria mister D’Angelo inserisce un po’ a sorpresa nel suo 4-2-3-1 Capellini, spedendo Grandolfo in panchina e De Vena addirittura in tribuna.

La Casertana parte a mille e trova la via del goal dopo appena 5 minuti di gioco grazie ad una splendida azione corale. Percussione centrale di Mancosu, scarico su De Angelis che trova con uno splendido tocco Negro; l’ex Salernitana supera  il portiere in uscita e deposita in rete. Ottavo centro stagionale per l’attaccante leccese. La Fidelis Andria prova a reagire e al 7′ impegna con una conclusione da fuori di Strambelli un attento Gragnaniello. Quattro minuti più tardi sono ancora i pugliesi a rendersi pericolosi con un diagonale di Onescu che termina a lato. La Casertana si riaffaccia in avanti al 18′ e lo fa ancora una volta con una splendida azione manovrata sull’asse Mangiacasale, Mancosu, Negro: è proprio il numero 9 a concludere di destro dell’area di rigore con il pallone che termina fuori di un soffio. Al 24esimo l’occasione più ghiotta del primo tempo per gli ospiti. Splendida giocata di Strambelli che innesca Capellini: il numero 11, disturbato da una provvidenziale uscita bassa di Gragnaniello, calcia a lato da ottima posizione. La Casertana esprime un grande calcio e al 27′ sfiora il raddoppio. Mangiacasale, imbeccato da un ispirato Mancosu, serve al centro per De Angelis che viene miracolosamente anticipato dal difensore avversario. Al 34′ l’episodio che cambia la partita: intervento killer di Cortellini su Mangiacasale. I giocatori in campo assistono con le mani tra i capelli all’intervento dei sanitari che portano via in barella il centrocampista casertano in lacrime. Rosso diretto per il numero 3 pugliese. Al 43′ l’ultima emozione del primo tempo con Aya che calcia da ottima posizione ma trova uno strepitoso Gragnaniello a dirgli di no. I primi 45′ terminano con i falchetti in vantaggio, ma sotto shock per il grave infortunio occorso al compagno di squadra.

La seconda frazione di gioco si apre con un’ottima occasione per la Casertana di raddoppiare: De Angelis approfitta di un disimpegno errato della difesa pugliese e calcia verso la porta trovando la pronta risposta di Poluzzi. Un minuto più tardi è ancora il numero 11 a provarci con una debole conclusione facilmente bloccata dall’estremo difensore ospite. Al 59esimo è Mancosu ad essere chiuso al momento del tiro. Al 66esimo fuori De Angelis e dentro Jefferson.  Miracolo di Gragnaniello al 69esimo su un colpo di testa ravvicinato di Cianci. Due minuti più tardi è Giannone a cercare il goal, con un tiro che viene però bloccato a terra da Poluzzi. La Casertana trema all’81esimo: colpo di testa di poco alto di Grandolfo. Nel momento di massimo sforzo offensivo da parte della Fidelis Andria, la Casertana va vicinissima al 2-0. Splendida percussione di Mancosu, scarico su Jefferson che calcia di destro ma il pallone si infrange sul palo. All’88esimo l’ultimo brivido della partita: pallonetto delizioso di Onescu al termine di un’azione convulsa e salvataggio miracoloso sulla linea di porta di Pezzella che regala ai suoi 3 punti fondamentali.

Una buona Casertana conquista dunque la quarta vittoria nelle ultime cinque gare disputate e fa un ulteriore passo in avanti verso i play-off. Tutti si aspettavano una gara molto difficile e così è stato: la Fidelis Andria ha creato diversi pericoli alla porta di Gragnaniello dimostrando di essere un’ottima squadra. La fame di punti dei rossoblù ha però prevalso. Al termine del match tutti i calciatori intervenuti in sala stampa hanno dedicato la vittoria allo sfortunato Mangiacasale. L’autore del goal partita Negro ha così commentato la gara: “Il mio pensiero va soltanto a Fabio e basta! Di fronte a certi infortuni non si può parlare di altro. Mi interessa poco del mio gol, so soltanto che da questo momento tutto quello che faremo sarà dedicato a lui. Contava vincere e ci siamo riusciti. Di questi tempi guardare alla prestazione non serve a nulla. Dopo l’infortunio di Fabio, poi, non c’eravamo più con la testa. Sono cose che ti segnano. Siamo ancora in corsa per i play-off e ci teniamo a centrare il nostro obiettivo. Perché lo meritiamo per quanto fatto in questa stagione.” Dello stesso avviso anche il centrocampista Capodaglio:  “Non possiamo che pensare a Fabio. Ero lì e subito ho capito che l’infortunio era serio. Vogliamo dedicare a lui questa vittoria e tutto quello che faremo. Dobbiamo andare avanti e centrare i play-off anche per lui. Non è stato facile continuare a giocare dopo l’incidente del primo tempo, ma abbiamo stretto i denti e portato a casa una vittoria importante. Dobbiamo soltanto pensare a continuare su questa strada. Il lavoro paga”.

Sabato prossimo la Casertana sarà impegnata sul campo del già salvo Messina.

CASERTANA-FIDELIS ANDRIA 1-0

CASERTANA: Gragnaniello, Rainone, Pezzella, Capodaglio, Idda, Potenza, Mangiacasale (37’ Giannone), Negro (71’ Finizio), Matute, De Angelis (66’ Jefferson). A disp.: Manzi, Murolo, Bonifazi, De Marco, Som, Tito, Marano, Agyei, Varsi. All. Romaniello

FIDELIS ANDRIA: Poluzzi, Tartaglia, Cortellini, Aya, Bisoli, Stendardo, Onescu, Bangoura (84’ Alhassan), Cianci (71’ Grandolfo), Strambelli, Capellini (66’ Bollino). A disp.: Cilli, Vittiglio, Matera, Fissore, Garcia. All: D’Angelo

RETE: 5’ Negro (C)

ARBITRO: Balice di Termoli

NOTE: Espulso: Cortellini al 34’ (F). Ammoniti: Capodaglio, Pezzella, Matute (C).

CLASSIFICA: Benevento66; Lecce60; Foggia59; Casertana59; Cosenza56; Matera51; Messina43; Fidelis Andria43; Juve Stabia42; Paganese41; Akragas38; Catania35; Catanzaro35; Monopoli35; Melfi29; Ischia21; Martina Franca21; Lupa Castelli Romani11.

Ugo D’Andrea

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteNocera Inferiore, memoria ed impegno per la Liberazione
Articolo successivoIl Napoli ora rischia, stop pericoloso a Roma
Ugo D'Andrea nasce a Piedimonte Matese (CE) l'11/10/1992. Sin da piccolo è appassionato di sport. Amante dei viaggi e del buon cibo. Studia Lingue e Letterature straniere presso l'Università "L'Orientale" di Napoli. Redattore e collaboratore presso il portale web "Calcio Estero News (CEN)".

NESSUN COMMENTO