Il Napoli ora rischia, stop pericoloso a Roma

0
249
Roma Napoli

Bentornati al nostro appuntamento con le sintesi delle partite che vedono impegnato il Napoli nel campionato italiano di calcio.

Dopo il risultato tennistico contro il Bologna, c’era grande euforia per un secondo posto quasi ipotecato. Ma il Napoli spreca troppo e, nel finale, subisce il goal della Roma in una partita tutto sommato equilibrata ma con numero di occasioni certamente superiore per gli azzurri. Nel finale pesa troppo la mancanza di concentrazione e determinazione degli azzurri che praticamente regala il goal alla Roma con una dormita colossale della difesa. Episodio identico a quello contro la Juve con il goal di Zaza. Purtroppo a questo Napoli manca ancora l’esperienza. Ancora troppo immaturo questo Napoli che nel finale si rilassa e si accontenta colpevolmente del pareggio. Ora anche il secondo posto è a rischio.

Le formazioni schierate:

ROMA: Szczesny, Digne, Rudiger, Manolas, Florenzi, Keita, Pjanic, El Shaarawy, Nainggolan, Salah, Perotti

NAPOLI: Reina, Ghoulam, Koulibaly, Albiol, Hysaj, Hamsik, Jorginho, Allan, Mertens, Higuain, Callejon

LA SINTESI

1′ Subito un’azione goal per la Roma: Albiol allontana frettolosamente servendo Salah che sciupa una ghiotta occasione tirando alto di poco;

Al 23′ Mertens si libera bene al limite dell’area, tiro smorzato e facile preda per il portiere romanista; 25′ Callejon pescato benissimo da Mertens segna, ma viene segnalato il fuorigioco millimetrico; al 29′ Grandissima occasione per Higuain che si fà parare il tiro da un vero miracolo di Szczesny. Il Napoli non riesce a passare in vantaggio;

Nella ripresa al 49′ altra occasione per il Napoli con Hamsik che tira troppo debolmente. Al 60′ azione della Roma: traversone di Maicon che attraversa tutta l’area di rigore ma nessuno dei suoi si presenta in area per concludere a rete; al 65′ contropiede del Napoli: Higuain si libera benissimo in area avversaria, serve Mertens che si libera per il tiro ma calcia di pochissimo a lato della porta avversaria; al 69′ dopo una splendida chiusura difensiva Koulibaly serve Mertens che sciupa ancora un’altra occasione.

Al minuto 80′, registriamo la standing ovation per l’ingresso in campo di Francesco Totti.

Anche in questa partita l’ingresso del capitano giallorosso favorisce la vittoria della Roma che allo scadere, grazie al pisolino della difesa azzurra che lascia libero Nainggolan per il tiro vincente.

LE PAGELLE

Reina: 6. Anche in questa partita ha lavorato poco;

Ghoulam: 5. Nervoso e poco incisivo, si becca anche una giusta ammonizione;

Koulibaly: 5. Nel primo tempo tra i migliori in campo. Voto insufficiente perché collabora al goal della Roma;

Albiol: 4. Peggio del compagno di reparto perché, in più, stava regalando il primo goal alla Roma dopo 60 secondi;

Hysaj: 6. Fa dignitosamente il suo lavoro;

Hamsik: 4. Sbaglia una marea di passaggi e nel finale rallenta anche sulle ripartenze. Non solo non è giornata, ma non è neanche atteggiamento adatto da parte di un capitano nel momento cruciale della stagione. Rialzati Capitano, e presto;

Jorginho: 6. Sbaglia poco. E’ il calciatore che più evidentemente ha esaurito le batterie. Nel finale, stremato, lascia il posto a Gabbiadini.  (N.G.);

Allan: 5. Primo tempo sufficiente. nel secondo tempo scompare e appare confuso e con le solite corse a vuoto. Sostituito nel finale da David Lopez (N.G.)

Mertens: 6. Tante conclusioni ma poco precise. Un esterno di qualità come lui non può sbagliare così tanto. Nel complesso la prestazione è soddisfacente.

Higuain: 5,5. Non si poteva chiedere di più ad Higuain che, a nostro parere, è ormai scarico dopo l’episodio della squalifica. Lucido, non avrebbe sbagliato quel tiro da solo di fronte al portiere avversario;

Callejon: 6. Anche in questo match gioca bene. Al momento è l’unico imprescindibile per Sarri.

Salvatore Annona

CONDIVIDI
Articolo precedenteLega Pro: Casertana avanti tutta, play-off sempre più vicini
Articolo successivoMagistratura contro politica: Davigo riapre vecchio scontro?
Nato a Napoli nel 1975 vi ho vissuto fino ad oggi, senza mai emigrare. Dopo il diploma di geometra, ho conseguito la Laurea in Ingegneria Civile nel 2005 con tesi in Ingegneria Sismica. Ho una splendida famiglia con moglie e due splendidi figli. Attualmente esercito la libera professione e sono membro della Commissione Manutenzione e Recupero degli Edifici Industriali presso L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli. Curioso sin dalla nascita, ho coltivato diverse passioni come la lettura e la grafica digitale. Amo immensamente la musica e lo sport (in particolare il calcio ed il tennis).

NESSUN COMMENTO