Auto usate, gli italiani preferiscono giocare in casa

0
257
mercato auto usate italia

In Europa si preferisce acquistare auto usate tedesche, mentre in Italia è il gruppo FCA a dominare le classifiche.

Dopo anni di segno meno sembra che ora la rotta sia cambiata. Non si ferma, infatti, il trend positivo nel mercato delle auto in Italia, che prosegue lungo la scia positiva avviata nel 2015.

Eppure, permangono segnali della crisi economica, visto che il boom riguarda in particolare le auto usate. Ad ulteriore conferma di questa tesi sono i risultati del resoconto mensile Auto-Trend dell’ACI. Secondo la ricerca solo a marzo 2016 si è assistito a un incremento del 2,8% dei passaggi di proprietà per le vetture di seconda mano rispetto ai 12 mesi precedenti, che portano il rapporto rispetto alle nuove immatricolazioni a 139 contro 100 (e considerando il primo trimestre si arriva a 153 usate ogni 100 nuove).

Le preferenze degli italiani

Questa analisi fotografa lo scenario prettamente numerico ma non offre molti dettagli sulle preferenze degli automobilisti che si accingono a cambiare la propria auto.

Una scelta questa che, sempre più di frequente, sfrutta gli strumenti messi a disposizione dal web e che ha contribuito alla diffusione e popolarità di siti specializzati come Car Affinity, punto di incontro tra domanda e offerta, che facilita la ricerca grazie a una vasta vetrina di annunci di compravendita di auto usate.

La decisione dipende anche dalla nazione di provenienza, che a quanto pare influenza la scelta finale.

La Germania vince su tutti

Secondo una recente ricerca sulle tendenze e gli sviluppi del settore il modello più ricercato nel mercato dell’usato in assoluto è la BMW Serie 3, seguita dalla Volkswagen Golf e, sul terzo gradino del podio, l’Audi A4. Medaglia di legno a un’altra vettura prodotta dal marchio bavarese, la BMW Serie 5, mentre al quinto posto si trova ancora una tedesca, la Mercedes Classe C.

Dunque Germania dominatrice assoluta della classifica, come si può notare, ma in realtà nel nostro Paese la situazione è leggermente differente.

Un popolo nazionalista

Gli italiani preferiscono le Fiat, o quanto meno le auto del gruppo FCA. Il modello di seconda mano più apprezzato nel nostro Paese, infatti, è la Fiat Panda, uno dei maggiori successi dell’azienda torinese, nello specifico nella versione benzina.

Anche le altre posizioni vedono buoni piazzamenti delle auto “nostrane”, come la Fiat Panda a gasolio (quarta), la Fiat Grande Punto, la Fiat Punto, la Fiat 500 e la Lancia Ypsilon.

Curioso, infine, il caso di una vettura tedesca snobbata all’estero. La Smart Fortwo è invece molto popolare in Italia, probabilmente per le dimensioni ridotte, che ben si adattano al traffico delle nostre città.

Aumenta l’età

Interessante anche l’approfondimento effettuato ancora dall’ACI sull’età delle auto usate vendute: nel 2015, infatti, le auto con più di sette anni di vita hanno rappresentato più del 60% del totale delle transazioni, e quelle con più di 10 anni sono aumentate, toccando il 36%. Per fare un paragone, nel 2012 il dato complessivo era limitato al 50%, mentre quello delle decennali si fermava al 29%.

Questo fenomeno conferma la sensazione che il nostro parco circolante stia continuando ad aumentare, soprattutto a causa delle difficoltà economiche che hanno allungato il ciclo di vita delle vetture e, nel contempo, frenato gli acquisti di auto nuove.

Auto d’occasione e usate speciali

Le famiglie scelgono di risparmiare, orientandosi verso acquisti meno onerosi e occasioni presenti sul mercato dell’usato.

Non va invece catalogata in questo ambito la vendita che ha interessato un modello speciale di Fiat 500 Lounge, battuta all’asta a New York e aggiudicata per l’incredibile prezzo di oltre 300mila dollari, dieci volte in più del suo valore di mercato. Si tratta però dell’auto utilizzata da Papa Francesco durante la sua visita nella città statunitense lo scorso settembre. Inoltre, va specificato che i fondi raccolti verranno devoluti in beneficenza e destinati a scuole cattoliche e organizzazioni legate alla Chiesa.

Anna Capuano

NESSUN COMMENTO