Fantabreak: neanche il clima quasi estivo stimola FantaHonda

0
dipendenza

Salve a tutti cari amici di Fantabreak, in questa puntata vi proponiamo di nuovo il problema aspettative, già esposto riguardo il mercato di precampionato, ma quest’ultimo nel suo corso prevede tante amichevoli, che permettono di farsi un’idea riguardo il come organizzare fantacalciomercato, e tante conferenze stampa da parta degli allenatori che fanno capire chiaramente chi sono i punti fermi del proprio schema. Ed oggi parliamo di Keisuke Honda, centrocampista del Milan presentato ad inizio stagione dall’ex Mihajlovìc come giocatore cardine del centrocampo rossonero, data la sua posizione da esterno tra le linee, quasi a ridosso dell’attacco. Infatti grazie a qualche gol realizzato nel precampionato, seppur contro avversari mediocri, ha portato all’esonerato di ritenerlo come giocatore cardine del centrocampo. Inizialmente anche in campionato si è fatto vedere in zona bonus, per poi capitolare nell’insufficienza insieme a tanti altri milanisti, come già esposto nell’articolo riguardo Bonaventura, o come l’attaccante Bacca cui alla sua esplosione dedicammo già un articolo. Ma soffermiamoci sul nipponico e sul suo calo, con un 2015 abbastanza ricco di bonus, in campionato e con sette assist e solo due reti, che può sembrare poco ma si prodigava molto per la squadra, infatti spesso indietreggiava per difendere, perciò la sua mediavoto rasenta la sufficienza, mentre la fantamediavoto è leggermente più che sufficiente. Ma ciò non basta poiché sia per le varie dichiarazioni fatte dall’esonerato allenatore in cui parlava del nipponico come cardine del gioco rossonero, quindi quasi dandogli tale incarico anche nelle fantasquadre cui appartenente, ha fatto sperare che un Honda anomala si abbattesse sul fantacalcio, ma poi rivelatasi una semplice Hondina, deludendo. Infatti nel match casalingo ed odierno contro il Frosinone, con un Milan troppo in confusione in campo e in società, si è tristemente adeguato, mostrando tanta imprecisione in campo e sui calci piazzati, da sempre il suo forte dato il sinistro vellutato, ma spesso ci prova ad essere un’Honda anomala ma c’è poco appoggio dei compagni.

honda e di francescoMagari si spera nell’anno prossimo che con il probabile arrivo di Eusebio Di Francesco alla guida del Milan, ci potrà essere l’Honda anomala di bonus ed eccellente mediavoto si riesca ad ottenere la già detta Honda proficua magari sfruttando anche un clima di inizio campionato estivo, sperando di avverare l’ormai solita
vignetta del nostro Savio. Ai posteri l’ardua sentenza e detto ciò vi saluto e vi auguro il solito “Buon Fantabreak a tutti!”

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteInchiesta Iplom: arriva la svolta
Articolo successivoWeidmann (vicepresidente BCE) a Roma: «Italia sta sforando patto stabilità»
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.