Bagnoli, inaugurato il nuovo parcheggio interscambio di Napoli

0
296
parcheggio anm bagnoli viale della liberazione

Apre il nuovo parcheggio di viale della Liberazione a Bagnoli. Ad annunciarlo è il sindaco Luigi De Magistris.

Un modo conveniente di raggiungere il centro di Napoli senza l’ausilio dell’automobile. L’area di sosta è situata, infatti, all’uscita della stazione Bagnoli-Agnano della linea 2 della metropolitana.

Il parcheggio, finanziato dal Comune, è costato 7 milioni di euro e potrà accogliere 330 auto e 100 moto per una superficie di circa 10mila metri quadri, distribuiti su tre livelli con la presenza di scale antincendio e ascensori oleodinamici.
In particolare, il parcheggio è collegato all’area di stazionamento dei bus C3 e C5 che percorrono la tratta Bagnoli-Fuorigrotta.

Per inaugurare il parcheggio, per tutta questa settimana la sosta sarà gratuita, a seguire il costo sarà di 1 euro per 4 ore e 2 euro per l’intera giornata. I prezzi già di per sé saranno competitivi, ma si sta pensando un accordo con Trenitalia per poter agevolare le tariffe per chi usufruisce della metropolitana e di conseguenza anche del parcheggio.

Data la presenza dei numerosi locali che popolano Bagnoli e l’arrivo dell’estate, il parcheggio funzionerà fino a tarda notte. È un vero e proprio parcheggio interscambio perché appunto permette di collegare tutti i servizi di cui il cittadino ha esigenza di utilizzare. Non a caso il parcheggio è stato costruito in una zona vicina alle scuole, alla metropolitana e all’ex area Nato.

I rappresentanti di ANM e RFI (Rete Ferroviaria Italiana) hanno assistito all’andamento ed all’affluenza del primo giorno di apertura che hanno avuto un ottimo risultato, raccogliendo i consensi dei pendolari.

Il sindaco e l’assessore alla mobilità Mario Calabrese si pronunciano soddisfatti, ed hanno intenzione di realizzare interventi simili anche in altri quartieri.
I primi cenni di realizzazione stanno avvenendo alla stazione San Giovanni-Barra, la Rete Ferroviaria Italiana sta effettuando verifiche di controllo per attuare un parcheggio che ospiterà 500 posti auto.

Maria Baldares

 

CONDIVIDI
Articolo precedentePerché l’Est europeo svolta a destra?
Articolo successivoI Marò hanno rotto l’Internet – Satire Wars
Frequento il secondo anno in Scienze della Comunicazione e sogno di diventare una giornalista a tutti gli effetti. Sono sempre stata decisa a voler intraprendere questo tipo di carriera e ciò che ha contribuito a far coltivare questa passione è stato il quartiere in cui sono nata e crescita. Vivo a Secondigliano, inutile dirvi le difficoltà e i problemi che purtroppo esistono e persistono ma allo stesso tempo ci sono tante persone che fanno di tutto per cambiare le cose, io sono una tra queste. Spesso si guarda solo il negativo delle cose tralasciando l'altra parte della medaglia, quella positiva.

NESSUN COMMENTO