Riapre al pubblico la funivia di Faito

0
368
funivia
funivia

Riapre, dopo 5 anni di fermo, la funivia Faito. La prima corsa è stata inaugurata stamattina alle ore 11 dalla stazione di Castellammare.

La stazione della funivia riapre dunque al pubblico in seguito ad una serie di lavori di manutenzione e adeguamento sismico realizzati dall’Eav e dalla Regione Campania. Si è tenuta, inoltre, una conferenza stampa al riguardo, all’interno della quale hanno partecipato il Presidente dell’Eav Umberto De Gregorio, il commissario straordinario di Castellammare di Stabia Claudio Vaccaro, il sindaco di Vico Equense Benedetto Migliaccio e il presidente della Regione Vincenzo De Luca.

Come promesso, la funivia adesso è agibile il costo dei biglietto  è di 7,60 euro andata e ritorno, fatta eccezione per i residenti, il costo per loro sarà di 4,70 mentre per i minori di 18 anni il biglietto costerà 2,90. Per chi ha l’esigenza di viaggiare tutti i giorni,  è disponibile l’abbonamento mensile di 44 euro e per chi invece necessita di trasportare la propria bici, bisogna acquistare un supplemento di 0,90 centesimi.

Gli orari delle corse sono: 9.35 – 9.50 – 10.05 – 10.35 – 11.35 – 12.05 – 12.35 – 13.05 – 13.35 – 14.05 – 14.25 – 14.45 – 15.35 – 15.55 – 16.15 – 16.25. La funivia è nata il 24 agosto 1952 con lo scopo di accrescere il turismo. Castellammare è, infatti, una zona di mare e meta gettonata.

Il territorio campano offre tantissimi luoghi che meritano di essere visitati, per agevolare gli spostamenti, a giugno verrà inaugurata anche la funicolare Mercogliano – Montevergine, in Irpinia. Questa doveva essere già attiva ma a causa del furto dei cavi elettrici, la data è stata posticipata.

Maria Baldares 

CONDIVIDI
Articolo precedenteL’eredità di Eszter di Sàndor Màrai
Articolo successivoEx Ritiro del Carmine – Nasce “Jesce Sole”
Frequento il secondo anno in Scienze della Comunicazione e sogno di diventare una giornalista a tutti gli effetti. Sono sempre stata decisa a voler intraprendere questo tipo di carriera e ciò che ha contribuito a far coltivare questa passione è stato il quartiere in cui sono nata e crescita. Vivo a Secondigliano, inutile dirvi le difficoltà e i problemi che purtroppo esistono e persistono ma allo stesso tempo ci sono tante persone che fanno di tutto per cambiare le cose, io sono una tra queste. Spesso si guarda solo il negativo delle cose tralasciando l'altra parte della medaglia, quella positiva.

NESSUN COMMENTO