Pozzuoli, le detenute si trasformano in modelle

0
436
detenute
detenute

Arriva alla terza edizione il progetto “E’ moda” presentato al carcere femminile di Pozzuoli. Grazie al contributo della P&P Academy di Anna Paparone e della commissione Pari Opportunità del Comune di Pozzuoli, le detenute per una sera si sono trasformate in modelle.

Non è stato di certo un lavoro improvvisato, prima del grande evento, le detenute hanno vissuto a pieno il mondo della moda, seguendo corsi di portamento e bon ton. Lo scopo di questa sfilata e di tutto quello che l’ha preceduta è quello di sensibilizzare le ragazze ad una nuova vita fatta di legalità e di sacrifici onesti.

Almeno per una sera, queste donne, hanno potuto assaggiare un attimo di libertà. La passerella ha assunto un valore simbolico, un lungo cammino di detenzione per ritornare poi alla società come individui nuovi, scegliendo una vita nuova.

Le 20 detenute insieme a sei modelle dell’Accademia della Moda di Anna Paparone hanno indossato abiti della collezione 2016 dell’Impero Couture confezionati dallo stilista Luigi Auletta. Hanno sfilato con abiti maschili due carcerate omosessuali, un altro chiaro messaggio di dare un freno ai pregiudizi. A rendere la serata ancor più speciale, il comico di Made in Sud, Pasquale Palma e il cantante Gigi Finizio che ha dedicato la sua “Fammi riprovare” alle detenute.

Un’iniziativa che ha un proseguo e una concretezza, infatti, le detenute che gli anni scorsi hanno partecipato alla sfilata, una volta scontata la pena, sono entrate a far parte ufficialmente del gruppo di modelle della P&P Academy aderendo a diverse manifestazioni.

Maria Baldares 

CONDIVIDI
Articolo precedenteMarvel, Captain America civil war: film deludente o geniale?
Articolo successivoRe Lear e il silenzio di Dio al Teatro Mercadante
Frequento il secondo anno in Scienze della Comunicazione e sogno di diventare una giornalista a tutti gli effetti. Sono sempre stata decisa a voler intraprendere questo tipo di carriera e ciò che ha contribuito a far coltivare questa passione è stato il quartiere in cui sono nata e crescita. Vivo a Secondigliano, inutile dirvi le difficoltà e i problemi che purtroppo esistono e persistono ma allo stesso tempo ci sono tante persone che fanno di tutto per cambiare le cose, io sono una tra queste. Spesso si guarda solo il negativo delle cose tralasciando l'altra parte della medaglia, quella positiva.

NESSUN COMMENTO