Fantabreak: prima che il Gallo apporti tre punti…

0
253
dipendenza

Salve a tutti, amici di Fantabreak. In questa puntata vi parliamo di un giocatore che nelle aste precampionato ha riscosso poco successo, poiché considerato solo da pochi intenditori che lo seguivano sin dagli inizi della sua trafila, passando per squadre con poca visibilità tipo la Grumellese dove lui è nato, calcisticamente, per poi passare alla storica Albinoleffe e finalmente assaggiare la Serie A grazie al Palermo, dove ha sgomitato parecchio per giocare tra fenomeni dal sangue albiceleste, come Dybala e Vazquez. Stiamo parlando, ovviamente, di Andrea Belotti. Fortunatamente per lui, nella scorsa estate è passato al Torino, ricevendo da subito un ruolo importante e facendo conoscere il proprio nome alla stampa grazie alle partite estive giocate dalla compagine granata. Ma tale fiducia non gli è stata molto riposta nelle varie leghe fantacalcistiche, anche perché il Gallo non partiva da titolare inamovibile, quale è ora, bensì era considerato la riserva di Maxi Lopez, infatti nei mercati di precampionato spesso rimasto tra gli svincolati per poi essere “recuperato” nell’asta invernale del mercato di riparazione, dopo aver fatto conoscere il suo nome grazie ad un ottimo campionato, che racconta di trentadue presenze (non sempre da titolare) e undici gol e ben quattro assist, viaggiando con mediavoto del 6,03 e fantamediavoto del 7,16. Ed ora molti fantallenatori, che potrebbero trovarselo contro, si pentono di quel loro “lascio, non lo voglio pronunciato quando il nome del Gallo è stato fatto.

belottiInfatti, Belotti continua la sua più che sufficiente stagione, a conferma di ciò nella sconfitta di ieri contro il Napoli, in cui ha disputato una buona partita, accusando però l’assenza del suo compagno di reparto Ciro Immobile. Belotti è infatti stato costretto a giocare come attaccante boa, inizialmente anche bene, ma dopo la marcatura uomo di Raul Albiol imposta da Sarri, non riesce nella sua incisività, ma comunque conferma la sua mediavoto sufficiente, cosa difficile contro la seconda in classifica. E forse ora qualche fantallenatore ripenserà all’asta di precampionato in cui disse “lascio…”, regalando il Gallo a qualche avversario. A richiamo di ciò, vi proponiamo l’ormai solita vignetta di Savio in cui si rivive il momento della conclusione della fatidica asta, in cui si era ancora molto scettici nei suoi confronti. Magari sarebbe bastato offrire qualche fantacredito in più per acquistarlo, ad una cifra non elevatissima, e mettere a segno il più chiaro fantabreak! Ma oggi lo scetticismo iniziale è svanito, ecco perché molti fantallenatori si mangiano le mani, rinnegando il proprio rifiuto, ormai irreversibile. Ecco perché concludiamo, con una previsione religiosa, dicendo: “Prima che il gallo apporti tre punti, lo rinnegherai medesime volte!“.

Buon Fantabreak a tutti! Alla prossima, che sarà la decisiva, poiché l’ultima!

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteNapoli, a Torino una vittoria che vale oro
Articolo successivoPino Maniaci, l’eroe cazzuto
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

NESSUN COMMENTO