Frattamaggiore, la sezione AIA dà ancora prova di grande cuore

0
575
frattamaggiore

Sabato 28 aprile 2016 si è svolto un quadrangolare benefico, organizzato dall’Airfa (Associazione italiana per la ricerca sull’anemia di Fanconi) con l’apporto della sezione Aia di Frattamaggiore e gli istituti: Liceo Scientifico I.I.S.S. Giancarlo Siani di Casalnuovo; Liceo classico scientifico Vittorio Imbriani di Pomigliano D’Arco; Liceo classico-scientifico-linguistico Alfonso Maria De’ Liguori di Acerra; Liceo Scientifico Filuppo Brunelleschi di Afragola.

L’evento è stato condotto da Gabriele Manzo di Rtl 102,5 e ripreso da Tv Baiano ed ha visto la presenza di 1.200 ragazzi, contando quelli sugli spalti ed i partecipanti alla competizione (tutti di età 14-18 anni), questi ultimi diretti dalla terna frattese composta dai fischietti: Daniele Cristiano; Enrico Esposito e Giuseppe Verde.

Abbiamo intervistato Diana De Martino, una delle organizzatrici dell’evento e le abbiamo chiesto:

Quanto avete raccolto durante l’evento?

Abbiamo raccolto una cifra superiore ai 5.000 euro e ne siamo estremamente orgogliosi.

Quanto sono state importanti le collaborazioni sul territorio?

Tantissimo! Gli istituti scolastici sono stati estremamente cortesi a prestarsi all’evento sportivo ed al preambolo di “sensibilizzazione” nella fase pre-torneo, ma il mio immenso grazie va soprattutto alla sezione arbitri di Frattamaggiore.

Perché questi ringraziamenti sentiti per la sezione frattese?

Semplicemente perché senza di loro l’evento non sarebbe stato possibile. Ci hanno aiutati sin dal primo giorno, grazie al costante contatto con il presidente Michele Affinito, per trovare un luogo in cui fosse possibile giocare il torno.
Hanno messo a disposizione tre arbitri ed in più, con l’importo donato, tre coppe che ci hanno consentito di premiare tutti i partecipanti al torneo a differenza degli anni precedenti. Sono stati, inoltre, presenti fisicamente all’evento nella figura di Domenico Abategiovanni membro del consiglio direttivo, ndr.

Per quale fine utilizzerete i fondi raccolti?

Saranno donati ad un ricercatore tedesco che da due anni si occupa di ricerca sullo sviluppo di cellule tumorali nella cavità orale per le persone affette dall’anemia di Fanconi, il quale studia in una struttura organizzativa tedesca simile all’Airfa.

Grazie per l’intervista.

Grazie a voi. A presto.

Ferdinando Paciolla

NESSUN COMMENTO