Luigi Felaco, candidato con la lista demA

0
815
Luigi Felaco
Luigi Felaco

Elezioni comunali – Lista demA, intervista al candidato al Consiglio Comunale Luigi Felaco.

Napoli si prepara alle prossime elezioni comunali che si terranno il 5 giugno e che vedono la ricandidatura del Sindaco uscente Luigi De Magistris, in lotta con altri 11 candidati tra i quali Gianni Lettieri, a capo dell’opposizione, e Valeria Valente del Partito Democratico.

Quattordici sono le liste presentate da De Magistris ed oggi abbiamo ascoltato un candidato a Consigliere Comunale della lista demA, Luigi Felaco, ex Consigliere e Presidente della Commissione ‘scuola, politiche sociali e antiracket’ della V Municipalità.

Luigi Felaco,  spiegami qual è il reale progetto politico alla base della ricandidatura del sindaco uscente Luigi De Magistris?

Luigi Felaco: << E’ importante sostenere il secondo mandato di Luigi de Magistris perché questa amministrazione ha dimostrato nei fatti di invertire la rotta sul tema dell’acqua pubblica (delibera su Acqua bene Comune ex ARIN), dei rifiuti (aumento raccolta differenziata), del turismo (grandi e piccoli eventi che hanno consegnato una nuova immagine internazionale a Napoli e quindi nuovi flussi turistici), dei beni comuni e spazi sociali (es. delibera di destinazione complesso Ex Asilo Filangieri). Inoltre il Comune ha cominciato finalmente ad investire nelle periferie. Il centro giovanile NaGioja a Soccavo all’interno del polifunzionale ne è un esempio ma ovviamente non basta. Per questo il nostro claim della nostra campagna elettorale è #vogliamodipiù >>.

La tua precedente esperienza politica ti ha visto Consigliere della V Municipalità. Com’è andata?

Luigi Felaco: << Prima di rivestire il ruolo di Consigliere e poi Presidente della Commissione ‘scuola, politiche sociali e antiracket’ della Municipalità 5, sono sempre stato un cittadino critico, impegnato in politica e nella lotta alla camorra. Dal 2000 al 2005 ho attraversato i movimenti studenteschi e dal 2006 ho cofondato con tanti giovani come me l’associazione  ‘Scetammece’, sono stati anni importanti per la mia formazione politica. Dopo l’elezione nel Consiglio della Municipalità nel 2011 invece, mi sono occupato prevalentemente di scuole, politiche sociali e antiracket. Oggi ad esempio, come amministrazione, su questi temi lasciamo un territorio con un’associazione di commercianti Antiracket, l’Ass. ‘Maurizio Estate’, un finanziamento cospicuo per la riqualificazione di un plesso abbandonato da decenni in cui svolgere attività sociali e culturali per anziani e giovani del territorio (Centro Polinzionale di via Metzinger), il primo asilo nido pubblico del territorio ‘Il cucciolo’ e un altro ora in costruzione. Potrei continuare per molto, ma non basterebbe una sola intervista >>.

Cosa ti ha spinto alla candidatura come consigliere comunale? Hai già in mente progetti per la città di Napoli che ti piacerebbe concretizzare? 

Luigi Felaco: << I motivi che mi hanno spinto a candidarmi sono tutti da ricercare nella mia generazione. Una generazione che pretende diritti e mai favori, che vuol restare in questa terra e non lasciarla amministrare dalla politica peggiore. Non è un caso quindi che il percorso che abbiamo lanciato insieme ad associazioni, comitati territoriali e singoli si chiami ‘RiGenerazione urbana e politica per Napoli’. (info alla pagina facebook  ‘RiGenerazione #vogliamodipiù). Insieme abbiamo scritto un Programma Partecipato dove ognuno ha messo a disposizione le proprie idee e competenze. Il programma, così costruito dal basso, verrà sostenuto oltre che da me, da altri candidati anche ai Consigli di Municipalità. Le liste nelle quali ci candidiamo sono sempre quelle di demA (Democrazia e Autonomia). Oggi 10 Maggio alle ore 18.30 presentiamo pubblicamente in Piazzetta Montesanto il nostro programma e una delle mie proposte al Consiglio Comunale sarà proprio quella di approvare un regolamento, che abbiamo già studiato, sul Bilancio Partecipato. I cittadini devono poter decidere direttamente sulle questioni a cui tengono. Devono poter scegliere cosa finanziare e cosa riqualificare; un parco, una strada, una struttura abbandonata al degrado, solo per fare alcuni esempi.
Ad ogni modo per conoscere tutte le cose fatte in questi anni e per leggere l’intero programma sarà online a breve il sito
www.luigifelaco.it >>. 

Flora Visone

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteSpagna, lista unica a sinistra: Podemos e IU trovano accordo
Articolo successivoCnsu2016, i candidati di Salerno: Elio Donnarumma
Flora scrive da sempre perché le riesce meglio che parlare. Studia Lettere moderne e lavora in una ludoteca. Poesia e bambini, due cose che, messe insieme, un po' la vita la migliorano. Non sa cosa vuol fare da grande ma sa quello che non vuole fare: arrendersi ad una realtà che non ti fa regali, dove il futuro tocca andarselo a prendere da soli.

NESSUN COMMENTO